songza

Google sarebbe interessata a Songza e non a Spotify

Lorenzo Quiroli -

Qualche giorno fa vi abbiamo riportato la suggestiva ipotesi di un’unione tra Google e Spotify, ma oggi è la stessa fonte della scorsa volta a ritrattare in parte ciò che dice, o meglio ad aggiungere qualche precisazione: più che a Spotify, BigG sarebbe interessata a Songza, un nome che molti di voi forse non avranno nemmeno mai sentito.

LEGGI ANCHE: Google Spotify: matrimonio possibile?

Il servizio di Songza non è disponibile in Italia ma vi basti sapere che la sua forza risiede nelle playlist, non basate su una canzone o un autore come in molti altri concorrenti, ma basate su ciò che stiamo facendo: c’è una playlist per studiare, una per rilassarsi, una per quando fate palestra, e addirittura anche una per quando siete in bagno.

L’offerta di Google sarebbe molto bassa per ora: 15 milioni di dollari, nulla se pensate che la valutazione di Spotify è di 4 miliardi di dollari (per quanto riguarda gli utenti Spotify ne ha 24 milioni mentre Songza 5,5): verrà accettata? Al momento sia Google che Songza si sono rifiutate di commentare la notizia, ma speriamo di saperne di più presto.

Fonte: NY Post