App Settings Xposed

Xposed App Settings: il modulo per modificare ogni singola app (foto video)

Nicola Ligas

Xposed continua ad essere una miniera d’oro per gli amanti del modding, ed App Settings è uno di quei moduli che testimoniano tutta la potenza di questo ormai celebre framework.

LEGGI ANCHE: Xposed si aggiorna alla 2.6 con una nuova grafica

Potrete infatti modificare il comportamento di ogni singola app del vostro sistema, revocandone anche i permessi che non gradite, o alterandone proprio il comportamento. Alcuni esempi?

  • è possibile cambiare il valore dei DPI, per ingrandire o rimpicciolire l’app
  • variare la grandezza dei soli font
  • cambiare la localizzazione dell’app (la lingua in pratica)
  • decidere se farla girare in immersive mode / full screen
  • tenere sempre lo schermo acceso quando l’app è in esecuzione (utile in alcuni giochi o player che già non lo facciano)
  • impostare l’orientamento predefinito
  • impostare la priorità delle notifiche
  • togliere (o forzare) l’app nell’elenco delle app recenti (in modo da averla sempre a portata di mano / non chiuderla per sbaglio)
  • silenziare l’audio
  • forzare la comparsa del pulsante menu
  • revocare ogni singolo permesso di ciascuna app

Il tutto è presentato con un’interfaccia molto spartana ma efficace, che condensa tutte le opzioni disponibili in un’unica schermata, forse un po’ troppo “appiccicaticcia”, e che ci permette di filtrare le app da mostrare in base a vari parametri (ad. esempio secondo i permessi di cui dispone), in modo da trovare facilmente quella che ci interessa.

Ricordatevi che potrete modificare le app di sistema allo stesso modo di quelle utente, e che c’è la possibilità che rendiate il vostro sistema instabile, o peggio, se andrete a modificarne in maniera avventata delle componenti fondamentali.

Come sempre per far girare Xposed sono necessari i permessi di root, mentre il modulo App Settings è scaricabile gratuitamente dall’app stessa del framework, o tramite il link sottostante.

video