google play thinkstock final

Google Play cambia la politica sul rimborso delle applicazioni

Lorenzo Quiroli

Google Play Offerte

Quindici minuti è un lasso di tempo più che sufficiente per provare alcune app e capire se il loro valore merita il prezzo a cui le avete acquistate, ma per altre, come alcuni giochi, un quarto d’ora è davvero troppo poco.

Google ha quindi deciso di attuare delle modifiche alla propria politica riguardante i rimborsi del Play Store: oltre alla classifica finestra dei 15 minuti pare essercene una seconda ora, della durata di ben 48 ore, due giorni, durante la quale potrete richiedere il rimborso.

Per fare ciò dovrete aprire la pagina Account sul Play Store, cliccare sui tre puntini alla riga dell’app in questione e segnalare il problema spiegando il perché della vostra richiesta di risarcimento, anche se il rimborso dovrebbe arrivare in maniera automatica.

LEGGI ANCHE: Google Play si rinnova con PayPal, nuova grafica e altro

A dirla tutta potete anche eseguire la richiesta dopo le 48 ore, ma in tal caso vi consigliamo spiegare con cura il perché della richiesta e non è certo che essa vada a buon fine: in molti casi sembra funzionare, ma Google ha un apposito meccanismo che dovrebbe prevenire chiunque volesse abusarne.

È bene notare che i soldi per il risarcimento dopo i due giorni non vengono sottratti dagli sviluppatori, ma è la stessa Google a pagare con le proprie tasche, al contrario di quanto accade nelle prime 48 ore.

Fonte: AndroidPolice