spotify vs deezer

Spotify contro Deezer, il nostro confronto (video)

Nicola Ligas

Spotify e Deezer sono le due alternative più celebri per avere musica in streaming gratis su dispositivi Android. Ovviamente non è tutto oro quel che luccica, e ci sono comunque delle restrizioni a cui i due servizi devono sottostare, che sostanzialmente si equivalgono, rendendoli quasi intercambiabili l’uno con l’altro.

Spotify

Celeberrimo, tanto che di introduzioni non ne sente il bisogno, Spotify è disponibile gratuitamente su Android dallo scorso dicembre, seppure con diverse limitazioni, tra cui il fatto di non poter saltare più di 6 brani ogni ora, di non poter comunque decidere l’ordine di riproduzione, e ovviamente di non poter salvare offline le canzoni.

La grafica è stata recentemente rinnovata, con un look molto dark, che forse non è propriamente quello che ti aspetteresti in un’app Android, ma che serve comunque egregiamente allo scopo. La qualità audio è piuttosto buono, anche se la massima è prerogativa della versione premium, che, al di là di promozioni particolari, viene 9,99€/mese.

Google Play Badge


Deezer

Deezer ha portato lo streaming gratuito solo in tempi recenti, e non vorremo dire che ha “copiato” Spotify, ma sostanzialmente i limiti sono esattamente gli stessi (6 skip, no download, no ascolto libero ecc.).

Diversa invece l’interfaccia, più classica, in tema Holo, con tanti tab a farla da padrone. Alla fin fine, nonostante l’impostazione delle due app sia diversa, le funzioni disponibili sono praticamente le stesse: ricerca per artisti o brani, ricerca per generi, collection di vari tipi di musica, radio generata in base ai nostri gusti / canzoni, ed un abbonamento completo che, anche in questo caso, costa 9,99€.

Google Play Badge

La vera differenza tra le due app può essere il catalogo a disposizione: Deezer vanta oltre 30 milioni di brani, mentre Spotify parla di un catalogo di “soli” oltre 20 milioni. Alla resa dei conti, specialmente per i brani di maggior successo, non noterete alcuna diversità, e, approfittando magari di qualche promozione, sarete soddisfatti indipendentemente dall’abbonamento scelto. A seguire il nostro video confronto.

video