Power Bank3

Power Bank 4000 mAh di Puro, la nostra prova

Emanuele Cisotti

La sindrome da “batteria scarica” ormai è uno dei più comuni problemi dell’uomo moderno tecnologico. Ad oggi la soluzione migliore rimane spesso quello di portare con se una seconda batteria di riserva. Ma non da sostituire a quella dello smartphone.

Benché infatti sostituire la batteria dello smartphone (per quelli che possono farlo) è un’operazione che ci lascia liberi da inghippi, rimane il fatto che se non la si vuole caricare all’interno dello smartphone, bisogna sempre sostituirla spegnendo il dispositivo. I Power Bank invece sono una soluzione molto pratica e molto in voga negli ultimi anni. Noi abbiamo provato quello da 4000 mAh di Puro, brand italiano molto popolare. Come fa intuire il nome, l’amperaggio permetterà di caricare circa 2 volte una batteria da 2000 mAh (nei nostri test un po’ meno di due ricariche da 2000 mAh), sempre senza mai spegnere lo smartphone e usando il cavo USB-microUSB incluso nella confezione (o anche uno vostro personale).

L’uscita del caricabatterie è da 1A e benché sia più che sufficiente per tutti gli smartphone e tablet in circolazione, potrebbe significare una ricarica più lenta per i dispositivi che solitamente utilizzano alimentatori da 2A (vi conviene quindi verificare).

Power Bank si può acquistare in vari colori sul sito Puro a 39,99€, oppure a 19,99€ nella versione da 2200 mAh.