google final

La Corte Europea obbliga Google a rimuovere i dati personali dalle ricerche

Nicola Ligas -

Google dovrà rimuovere i dati personali di un utente, se questo lo richiederà, dai risultati del suo motore di ricerca. Il “diritto dei cittadini ad essere dimenticati,” è stato sancito dalla Corte di Giustizia della Comunità Europea, che ha stabilito che Google è responsabile dei dati contenuti nei suoi server, dati che andranno rimossi se vecchi o irrilevanti.

La decisione è arrivata in seguito a vari casi avviati in Spagna, in cui gli utenti chiedevano a Google di rimuovere i propri contenuti, cosa che l’azienda ha rifiutato di fare, portando così il caso fino alla Corte Europea.

LEGGI ANCHENiente più costi di roaming in Europa da Natale 2015

Google è “obbligato a rimuovere i link a certe pagine web” sotto specifiche circostanze. “Se, in seguito ad una ricerca basata sul nome di una persona, l’elenco dei risultati riporta link a pagine web che contengono informazioni sulla persona in questione, il soggetto di tali dati può rivolgersi direttamente al suo operatore.” Google non ha infatti una procedura chiara e semplice tramite la quale gli utenti possano richiedere la rimozione di certi dati, e la decisione della corte potrebbe anche produrre un cambiamento in tal senso.

Google si dice deluso da questa decisione, che riguarda “i motori di ricerca e le pubblicazioni online in generale”, tanto più che un simile verdetto va contro ad uno precedente sempre dell’Avvocato Generale della Corte Europea, secondo il quale Google non avrebbe dovuto rimuovere informazioni sensibili dai propri risultati.

Resta da capire quanto personali e quanto sensibili debbano essere tali informazioni per poterne richiedere la rimozione: il confine tra la libertà d’informazione ed il diritto alla privacy può infatti portare ad eccessi ad ambo le parti, pertanto speriamo che Corte Europea sappia muoversi nel modo adeguato per tutelare chiunque.

Via: The Verge