DevCorner620

DevCorner: alcune utili librerie e un’app

Giuseppe Tripodi -

Se Ambroce Bierce fosse ancora vivo, probabilmente nel suo Dizionario del diavolo, alla voce Sviluppatore ci avrebbe scritto qualcosa come: “Lavoro che consiste nel copiare e incollare roba presa da StackOverflow, ma senza capirci troppo”. Il developer, per sua natura, è innegabilmente pigro e se affidarsi troppo agli altri può essere sbagliato e dannoso, è altrettanto vero che quasi mai ha senso riscrivere da zero qualcosa di funzionante e generalmente accettato. Dopotutto, il Reinventing the wheel è anche uno dei peggiori anti-pattern. Per questo motivo, nel DevCorner di questa settimana vi consigliamo alcune delle più utili librerie che ci è capitato di utilizzare su Android.

ViewPagerIndicator

Questa libreria è una delle prime che tutti i giovani sviluppatori Android incontrano sul loro percorso. Da quel momento inizierete ad adorare Jake Wharton come una semi divinità: non preoccupatevi, tutto normale. ViewPagerIndicator è quello che state cercando se avete difficoltà nel gestire un layout con più view affiancate l’una all’altra, magari navigabili con uno swipe. Utilizzata da grandi nomi del settore come Beautiful Widgets e FriendCaster, è veramente uno strumento che non ha bisogno di presentazioni. 

Sito ufficiale
GitHub

AsyncHTTPClient

Lo ammetto, quando, tanto tempo fa, ho iniziato a lavorare con le chiamate HTTP su Android mi sono visto un po’ smarrito. Ero giovane e inesperto (più di quanto lo sia adesso, per lo meno) e salvarmi la vita quella volta ci pensò loopj (aka James Smith). La sua AsyncHTTPClient, come si intuisce dal nome, è una delle migliori librerie per Android che implementano un client HTTP davvero ben fatto, con gestione asincrona delle risposte e tanta altra roba. Merita un’occhiata.

Sito ufficiale
GitHub

SmartImageView

Continuando a parlare di loopj, la sua SmartImageView non è una libreria che vi cambierà la vita ma, nel suo piccolo, riesce a rivelarsi decisamente utile. Grazie ad essa potremo usare l’omonimo componente, che altro non è che un’ImageView migliorata e con alcune opzioni utili, come ad esempio la possibilità di poter impostare un’immagine direttamente da un URL o dai Contatti. L’avevamo già utilizzata sulle pagine del DevCorner per creare un codice QR.

Sito ufficiale
GitHub

Dagger

Una delle più potenti e famose librerie per Android: sviluppata da Square (ogni singola cosa proveniente dai loro PC meriterebbe più di un’occhiata!) è un dependecy injector che potrebbe seriamente farvi domandare come facevate prima di utilizzarla. Avevamo già visto qualcosa di simile ma “meno potente” sul DevCorner con Butter Knife: se l’idea di iniettare oggetti e dipendenze vi era piaciuta, vi consigliamo caldamente di non perdervi Dagger.

Sito ufficiale
GitHub

ActionBarSherlock

Per concludere sul fronte delle librerie, torniamo su un’altra creazione di Jake Wharton: sebbene il numero di device con KitKat continui a crescere, così come quello di tutte le versioni superiori alla 4.0, c’è tristemente una grossa fetta di dispositivi sul mercato che non ha potuto godere nemmeno di Ice Cream Sandwich. Considerando l’utilità delle recenti Action bar, sarebbe davvero un peccato privare tutti questi smartphone di un’esperienza d’uso completa: per questo il buon Jake ci ha donato ActionBarSherlock. A dirla tutta, ad oggi non è più fondamentale come un tempo, vista l’inclusione dell’ActionBar nell’appcompat v7 ma può comunque far comodo. Quest”immagine trovata su StackOverflow vi chiarirà come usare l’una o l’altra.

Sito ufficiale
GitHub

DevAppsDirect

La lista delle librerie è finita ma, come suggerito dal titolo, abbiamo un ultimo suggerimento per tutti i poveri programmatori che fino ad oggi ne hanno fatto a meno: DevAppsDirect. Si tratta di un’app scaricabile gratuitamente dal Play Store che ha un elenco davvero enorme di librerie per migliorare l’aspetto delle nostre app(e non solo!), con annessa la possibilità di testare le suddette sul proprio smartphone nonché di scaricare al volo il codice d’esempio da GitHub. A dirla tutta ne avevamo parlato anche tempo fa, ma considerando quanto può rivelarsi utile non potevamo non riproporla.

Google Play Badge

Anche per questa settimana è tutto: pur senza scrivere una riga di codice, speriamo di esservi stati utili per i vostri progetti presenti e futuri. Perché se saper programmare è ovviamente fondamentale, conoscere gli strumenti del mestiere è altrettanto importante.