roamy_app_roaming

Limitare il consumo in roaming con Roamy (foto)

Cosimo Alfredo Pina -

Quando viaggiamo all’estero o se il nostro operatore non copre l’utilizzo di internet in roaming, l’accesso alla rete, se lontani da un punto di accesso Wi-Fi, può risultare quantomeno problematico o addirittura impossibile. Il rischio è di consumare rapidamente il credito o far lievitare la rata dell’abbonamento. Per affrontare queste situazioni Roamy viene in nostro aiuto!

LEGGI ANCHE: Travee: l’app per abbattere i costi di roaming, conservando il proprio numero di telefono

La funzione principale di Roamy è quella di permettere la selezione di applicazioni a cui sarà concesso l’accesso alla rete dati cellulare durante il roaming, funzione utile  sopratutto per la messaggistica in cui il consumo di traffico è piuttosto scarso.

La veste grafica, minimale ed efficace, rende semplice la navigazione tra le due sezioni principali: riepilogo mensile e lista della applicazioni. Un pannello laterale ci dà accesso a impostazioni aggiuntive. Le funzioni principali sono:

  • Controllo dell’accesso alla rete per ogni singola applicazione
  • Riepilogo del consumo dati globale
  • Dettagli del consumo per ogni applicazione
  • Attivazione automatica
  • Definizione del giorno di inizio del ciclo mensile
  • Definizione dei limiti, mensile e per sessione
  • Calcolo dei costi in caso di superamento del limite

L’applicazione, scaricabile dal Play Store, è gratuita. Con un acquisto in-app opzionale si possono sbloccare funzioni aggiuntive, al costo promozionale di 1,99€ alla scrittura dell’articolo. Al momento è disponibile soltanto in lingua inglese, ma un tutorial molto chiaro vi guiderà nelle fasi iniziali.

Se avete in programma un viaggio o siete spesso in zone con scarsa copertura 3G/LTE, Roamy potrebbe fare al caso vostro permettendovi di utilizzare le vostre applicazioni preferite senza incorrere in costi eccessivi

 

Google Play Badge