Hover Paranoid Android

Paranoid Android fa il punto su Hover e sulla sua evoluzione

Nicola Ligas

Lunedì scorso Paranoid Android ha rilasciato Hover, ovvero colui che prende il posto di Halo e che d’ora in poi costituirà la base del sistema di notifiche floating della ROM. Lo abbiamo prontamente provato e, per quanto funzionale, è stato subito chiaro che gli manca ancora qualcosa rispetto al suo predecessore, qualcosa che arriverà nel prossimo futuro.

LEGGI ANCHE: Paranoid Android Hover, la nostra prova (video)

Halo permetteva infatti di accedere alle notifiche in qualsiasi momento e aprirle in una finestra fluttuante rispetto al resto del contenuto, anche con app a pieno schermo in esecuzione in background, e di questo si è già fatto carico Hover. Era però anche possibile accedere alle notifiche inizialmente ignorate, oppure tenerne alcune sempre a portata di mano, in modo da poterle aprire in finestra qualora volessimo.

Per semplificare lo sviluppo, presente e futuro, queste tre funzioni sono state divise, per l’appunto, in tre componenti separate. Hover ha rimpiazzato la prima, e per accedere in finestra alle notifiche ignorate, in futuro comparirà un apposito pulsante nell’omonima barra, così, anche se avremo lasciato correre una notifica al momento del suo arrivo, potremo aprirla in finestra con relativa semplicità.

Per quanto riguarda invece le app da tenere “in rilievo” per potervi accedere in finestra quando vogliamo, anche queste saranno reintrodotte con una loro interfaccia dedicata, ma per adesso lo sviluppo di questa fase è ancora al livello concettuale.

Halo era cresciuto al punto da aver raggiunto sette gesture e dieci opzioni principali (alcune con sotto menu): non esattamente quello che si dice user friendly, e la parola d’ordine di Paranoid Android d’ora in poi è, ormai l’avrete capito, semplicità.

Fonte: Paranoid Android