D-Link Baby Cam2

Prova della Baby Cam controllabile da Android, D-Link DCS-825L

Emanuele Cisotti

È tutto più comodo con lo smartphone. Potrebbe essere uno slogan pubblicitario è invece è la prima cosa che ci viene in mente utilizzando questa D-Link DCS-825L, per gli amici “banalmente”, la baby cam di D-Link. Si tratta di un prodotto curioso e utile che unisce un’esigenze di tutti i genitori alla comodità della tecnologia odierna.

Il succo è semplice: potrete visualizzare quello che la baby cam vede attraverso la sua lente sul vostro smartphone, anche a distanza, utilizzando la rete UMTS o 4G. La webcam (così la chiamiamo per semplicità, ma non è una webcam come la si intende) riproduce video fino a 720p, che, nella nostra esperienza, risultano ottimi per quello che cerchiamo di ottenere. L’applicazione gratuita è tutt’altro che comoda da configurare, in quanto molto lenta e non esente da crash o problemi di vario genere. Dopo la prima registrazione e configurazione della cam, i successivi login però sono abbastanza rapidi e sopratutto infallibili.

A prova di bambino – È però una baby cam e quindi dev’essere a prova di bambino. E lo è. Il dispositivo è in plastica rigida e non ha nessuna parte piccola e nessuno spigolo contundente. Sul retro troviamo un’antenna, che non è quella Wi-Fi (che è comunque presente), ma è un sensore di temperatura. Impossibile “strapparla” via. Sulla parte superiore sono presenti dei grossi tasti per avviare la ninna-nanna, per regolare il volume o per spegnerla. Un grosso led circolare ne confermerà il corretto funzionamento.

Contenuto della confezione – Sul retro è presente il jack per l’elettricità e uno slot per una microSD. All’interno della confezione è presente una base per tenere la cam (che è tonda) ferma, un supporto per il muro (che vi permette di avvitare la cam su di esso) e una corona circolare alternativa per la cam. Quello già montato è azzurro, il secondo è rosa.

2014-04-30 12.00.45

Controllare da Android – Ma veniamo alla parte relativa al mondo Android, ovvero l’app gratuita D-Link (i voti sono effettivamente bassi perché la prima configurazione è macchinosa e richiede molta pazienza). L’immagine, come abbiamo già detto è molto nitida ma il funzionamento va oltre il semplice “spiare”. Il software infatti vi notificherà (anche in background!) eventi di vario tipo e nello specifico: movimento, pianto o temperatura (troppo elevata o troppo bassa). Oltre a questo potrete avviare una delle 5 ninna-nanna presenti nella cam da remoto per far riaddormentare il bambino senza muovere un muscolo. Confermiamo come tutte questi sensori funzionino alla perfezione attivandosi sempre in caso di bisogno.

La chicca finale (che per una cam è in realtà importantissimo!) è la presenza degli infrarossi che si attivano in automatico al calare delle tenebre e che restituiscono immagini molto nitide.

D-Link DCS-825L è acquistabile a 117€ (sono 12€ meno del prezzo di listino) su Amazon.

Recensione