Nexus 4 bianco final

Gli smartphone Android Silver si preparano a rimpiazzare la linea Nexus

Nicola Ligas -

Sta guadagnando nuovo vigore l’ipotesi che la linea Nexus sia prossima alla fine, non rimpiazzata dai dispositivi Google Play Edition, come ipotizzato inizialmente, ma dal progetto Android Silver, i cui dettagli sono per ora un po’ nebulosi.

LEGGI ANCHE: Android Silver: un’esperienza premium per gli utenti

Google avrebbe infatti intenzione di investire ben un miliardo di dollari per promuovere in maniera concreta, sia con pubblicità mediatica che con la sua presenza sul territorio, una nuova serie di dispositivi high-end, chiamati Silver, e realizzati da vari produttori, tra cui LG e Motorola in prima linea.

Il software sarà completamente sotto il controllo di Google, senza quindi personalizzazioni o bloatware vari,  introducendo così un’uniformità di esperienza fra tutti i dispositivi Android Silver. Gli aggiornamenti saranno gestiti da BigG, non come sui Google Play Edition, dove gli update sono comunque nelle mani dei produttori, pertanto è lecito aspettarsi una tempistica in linea con quella degli attuali Nexus, seppure i device da aggiornare saranno di più.

I primi modelli di LG e Motorola dovrebbero arrivare il prossimo anno, mentre Samsung, HTC, e Sony hanno forse ancora bisogno di essere convinte del tutto.

Vi ricordate delle voci sui multipli Nexus?

Messa così insomma, ci ricorda molto quella vecchia voce sui multipli Nexus da parte di vari produttori, dei quali questi Android Silver appaiono come gli eredi naturali. Del resto, ultimamente Google aveva già ribadito di voler esaltare “il marchio Android”, a partire dalla bootanimation dei nuovi Galaxy S5 e HTC One (M8), e passando per ipotetici accordi con Samsung per limitare la sua personalizzazione del robottino.

Inizialmente il progetto Android Silver sarà diretto agli Stati Uniti e ad altri “mercati sviluppati”, nei quali ci piace immaginare tutti quelli dov’è disponibile Google Play Devices, ma resta l’incognita sul prezzo di questi dispositivi, che non dovrebbe essere contenuto come quello degli attuali Nexus.

In ogni caso non dovremmo vedere qualcosa di concreto prima del 2015, quindi l’ipotetico Nexus 6 è forse al sicuro. Fino a prova contraria.

Fonte: The Verge