Uncanny X-Men header

The Uncanny X-Men: Days of Future Past, la nostra intervista agli autori del gioco (foto)

Lorenzo Delli -

The Uncanny X-Men: Days of Future Past, edito dalla software house Glitchsoft, la stessa di He-Man: The Most Powerful Game in the Universeè un nuovissimo gioco dedicato proprio alle piattaforme mobili ispirato all’universo Marvel degli X-Men, i mutanti più famosi della storia cinematografica e dei fumetti. Proprio a maggio uscirà nei cinema di tutto il mondo X-Men: Days of Future Past, il quinto (settimo, contando le due pellicole dedicate a Wolverine) film della saga che vedrà i protagonisti coinvolti in un’avventura che coinvolgerà anche i viaggi nel tempo. The Uncanny X-Men: Days of Future Past, anch’esso in arrivo a maggio, non si rifarà direttamente alla suddetta pellicola, ma bensì all’arco narrativo composto da due fumetti, X-Men n. 141 e The Uncanny X-Men n. 142, che narra gli eventi che spediranno indietro nel tempo Kitty Pride (e non Wolverine).

LEGGI ANCHE: Uncanny X-Men: Days of Future Past a maggio anche per Android

A pochi giorni dall’uscita del titolo su iTunes di Apple e Play Store di Google non sono però ancora trapelati molti dettagli a riguardo, ad eccezione appunto della collocazione storica e del genere previsto. I gentilissimi ragazzi di Glitchsoft si sono però offerti di rispondere ad alcune nostre domande a riguardo del loro nuovo lavoro. Buona lettura!

D: Da quanto trapelato finora pare che Uncanny X-Men: Days of Future Past sarà un side-scroller 2D che vedrà come protagonista Kitty Pride

R: Il formato del gioco è in effetti un side-scroller 2D. Continuiamo sempre a perfezionare il modello adottato per He-Man, e posso confermare che dal punto di vista tecnologico, ci sono stati progressi abbastanza impressionanti dovuti alla crescita del nostro studio e all’incredibile lavoro dei nostri programmatori.

DVista l’eventuale presenza appunto di Kitty Pride, il gioco sarà più improntato sull’esplorazione e sulla storia o sarà collocabile ad esempio nel genere dei picchiaduro a scorrimento?

R: Il gioco si definisce meglio come picchiaduro a scorrimento, ma con alcuni elementi esplorativi (per esempio quando si tratta di ottenere gli oggetti da collezionare) e un’enfasi sulla storia. Siamo grandi lettori di fumetti, per non dire “fumettari” (NdR: alcuni membri della software house sono addirittura fumettisti!), e quindi speriamo di essere rimasti dovutamente fedeli alle attese degli altri lettori nei confronti della storia. Ci sono moltissime sequenze narrative inserite nel gioco per mantenere l’immersione nell’universo degli X-Men. Inoltre, la trama del gioco è stata realizzata in collaborazione con uno sceneggiatore del settore di animazione della Marvel; sono certo che i fan apprezzeranno!

Potremo giocare nei panni di Kitty, Logan, Ciclope, Colosso e Scarlet

La storia punta decisamente sul percorso di Kitty e Logan, ma ci saranno anche altri tre personaggi, cioè Cyclops, Colossus e Scarlet Witch. La scelta dei personaggi è stata ovviamente difficile, ed è chiaro che avremmo voluto offrire tutta la sostanziosa squadra degli X-Men, ma i limiti di produzione essendo quelli che sono, abbiamo preferito concentrarci su alcuni dei mutanti più centrali al fumetto. Poi non è detto che non ci saranno addizioni al gruppo dopo il lancio del gioco! Prevediamo già di offrire DLCgratis, tra l’altro! – nelle settimane che seguiranno il lancio del gioco; il contenuto preciso del DLC deve rimanere segreto per ora, però ci saranno indizi abbastanza precisi sulle nostre intenzioni nel gioco stesso. Già si può indovinare, penso, l’identità di qualche personaggio notevolmente assente dagli X-Men selezionati…

D: Quale sarà lo stile grafico di Uncanny X-Men: Days of Future Past?

R: Il nostro stile grafico è anch’esso evoluto moltissimo da quando abbiamo prodotto He-Man; essendo presenti nello staff dei disegnatori “tradizionali“,  vi è stata una spinta proprio in tal senso per cercare di ottenere uno stile simile a quello dei fumetti. Così siamo giunti con gli altri fantastici artisti dello studio ad uno stile ibrido che mantiene un’apparenza molto cartoon, che forse ricorderà un po’ quella delle diverse serie animate degli X-Men. Comunque, stilisticamente siamo rimasti in stretto contatto con Marvel, e ogni personaggio è stato approvato direttamente da loro

Nessun collegamento diretto con il film: il gioco è ispirato prevalentemente al fumetto e al cartone animato degli anni ’90

D: In teoria il gioco è stato annunciato come tie-in del film X-Men: Days of Future Past: ci saranno davvero elementi in comune con la pellicola cinematografica o vi siete ispirati più all’arco narrativo dei fumetti incentrati proprio su questa vicenda?

RNon ci sarà nessun legame intenzionale con il film. Abbiamo realizzato il gioco in parallelo, senza nessun contatto con la regia del film, e ne sappiamo né più né meno degli altri fan (infatti, avremmo voluto saperne magari un po’ di più!). Ovviamente speriamo che l’arrivo in sala del film spinga gli spettatori ad interessarsi al nostro gioco, ma ci siamo ispirati principalmente al fumetto e in parte minore ad altri adattamenti dello stesso arco narrativo nei cartoni animati. Per molti, in effetti, la versione di Days of Future Past del cartone animato X-Men degli anni 90 rimarrà la versione definitiva, non essendo cresciuti con i fumetti. Speriamo di accontentare tutti, ma l’essenziale è che ci siamo ispirati al fumetto e non al film.

D: Sulle pagine di AndroidWorld.it abbiamo avuto modo di recensire He-Man: The Most Powerful Game in the Universe, trovandolo divertente e perfettamente strutturato per il settore mobile. Vi saranno dei punti in comune con questo titolo o si tratterà di un qualcosa di completamente diverso? Vi siete ispirati a qualche hit degli store dedicati ai dispositivi mobile o si tratterà di un’esperienza di gioco innovativa ed originale

he-man review 3

R: Il nostro obiettivo è sempre stato, in quanto gamer, di proporre uno stile videoludico su dispositivo mobile che si avvicini sempre di più al modello con cui siamo cresciuti noi ventenni e trentenni, con la migliore tecnologia disponibile attualmente. Perciò con X-Men abbiamo raffinato l’esperienza e la grafica elaborata in He-Man, e senz’altro continueremo a rimanervi fedeli il più possibile nel futuro (anche se i prossimi progetti dovessero portarci in altre direzioni nello stile di gioco). Abbiamo provato diversi metodi di controllo dei protagonisti in X-Men, e siamo convinti di essere riusciti a migliorare la reattività e la precisione dei comandi. Quindi per noi il gioco, benché sia presentato su dispositivo mobile e si attenga ad un formato adatto a questo genere, si distingue anche per la diversità del suo pubblico: gli utenti più casuali lo troveranno divertente e abbordabile, mentre quelli più hardcore avranno a disposizione una varietà di personaggi con stili di gioco diversi (un aspetto rimasto poco esplorato in He-Man), e con la capacità di scegliere uno schema di controllo secondo le loro preferenze. Abbiamo mantenuto un sistema di acquisto dei poteri simile a quello di He-Man, ma senza spesa per l’utente. Il che mi porta all’ultima domanda…

D: Come verrà lanciato il gioco sui vari store? Si tratterà di un titolo gratis (free-to-play con acquisti in-app) o è previsto un prezzo di lancio fissato?

R: Non possiamo ancora diffondere i dettagli precisi del lancio del gioco, ma è assolutamente certo che verrà pubblicato sia per iOS che per Android. Per quanto riguarda il prezzo, posso confermare che avrà un prezzo di lancio fisso, ma che non ci saranno spese successive nel gioco stesso, né per il DLC. Quindi il prezzo (che non posso annunciare, purtroppo!) sarà assoluto; in quanto gamer, volevamo evitare agli utenti la frustrazione delle spese nascoste. Se desiderano ottenere tutto il contenuto, chiediamo soltanto loro che continuino a giocare!

Chiudiamo questa sessione di Q&A ringraziando Glitchsoft per le risposte esaustive che ci hanno rivelato tantissimi dettagli a riguardo del gioco. Vi lasciamo con alcuni concept inediti relativi a The Uncanny X-Men: Days of Future Past che ci mostrano quanto lo stile grafico  si avvicini proprio a quello dei fumetti. Vi segnaliamo inoltre che sul sito ufficiale è possibile iscriversi per ricevere aggiornamenti e promo code esclusivi. Potete anche seguire il lavoro dei ragazzi di Glitchsoft su Facebook, Twitter e Google+.