Equiso Play Sample

Equiso Play: il progetto per la console Android open source arriva su Kickstarter (video)

Lorenzo Delli

È un momento particolare quello attuale per il panorama delle console Android: alla luce delle recenti evoluzioni dell’ecosistema OUYA (il progetto OUYA Everywhere e le demo non più obbligatorie), dell’arrivo su Amazon di M.O.J.O. di Mad Catz, e, perché no, anche considerata la console ZTE appena annunciata, l’arrivo su Kickstarter di un nuovo progetto riguardante proprio una console con Android potrebbe far storcere il naso a molti lettori.

LEGGI ANCHE: Editoriale: Cara OUYA…

Dotata di processore Amlogic Cortex A-9 quad-core da 2 GHz, GPU Mali 450 (ad 8 core), 1 GB di RAM DDR3 e 8 GB di memoria interna, oltre a tutta la connettività e ingressi del caso (doppio chip-set WiFi a/b/g/n, Bluetooth 4.0, 2 porte USB, microSD, HDMI, Ethernet) e Android 4.4 KitKat, la console Equiso Play pone i suoi punti di forza sul prezzo di lancio, 99$, e sul fatto di avere a bordo il Play Store.

Equiso Play Sample 2

Il prezzo viene mantenuto basso anche dall’assenza di un controller: l’obiettivo infatti della società Equiso (non nuova nella vendita di hardware) è quello di far sfruttare all’utenza i propri smartphone, tablet e anche controller wireless per controllare i vari giochi. Per i finanziatori più coraggiosi è inoltre prevista una versione della console più pompata, con 2 GB di RAM, 16 GB di memoria interna, una ventola di raffreddamento e la possibilità di riprodurre i contenuti in qualità 4K Ultra HD. Perché viene definita open source? Perché Equiso provvederà a rilasciare il codice completo usato per il lato software del prodotto. Per maggiori informazioni vi rimandiamo direttamente alla pagina relativa al progetto su Kickstarter.

video