nokia developer bus

#NokiaXBus: il racconto dell’evento per sviluppatori Nokia X, da parte di una lettrice

Nicola Ligas -

Stefania Poggi è una nostra gentile lettrice che ha partecipato all’evento itinerante organizzato da Nokia, e mirato a quegli sviluppatori interessati a rendere le proprie app al 100% compatibili con la famiglia Nokia X. Il tour del bus di Nokia ha fatto tappa a Bologna, e questo è il racconto di quello che si trovava a bordo. Non aspettatevi

LEGGI ANCHE: Nokia X, la nostra anteprima | NokiaXBus

Giovedì 13 Marzo, in una bella giornata di sole a Bologna sono andata in piazza VIII Agosto per vedere cosa Nokia aveva in serbo per gli sviluppatori con il loro primo smartphone Android, il Nokia X. L’evento non era stato particolarmente pubblicizzato quindi c’erano pochissimi sviluppatori sia al primo incontro, verso le 11.00 del mattino che al secondo verso le 14.00. A fare la presentazione, in inglese, uno sviluppatore svedese della Nokia. Il tutto si è svolto al secondo piano del Bus verde, in una atmosfera rilassata e amichevole.

Una prima breve introduzione è stata dedicata ai vantaggi degli utenti nell’utilizzare il Nokia X. Il vantaggio sul quale hanno insistito di più è quello dell’acquisto delle app senza carta di credito, tramite accordi con gli operatori telefonici. È stato sottolineato che gran parte dei mercati emergenti non hanno una grande diffusione delle carte di credito e quindi questo permetterà di aprire il mercato a più persone possibili. Sono stati elencati anche altri vantaggi, fra i quali le mappe offline con Here, un’ottima durata della batteria e la compatibilità con moltissime delle applicazioni Android già esistenti.

Per quanto riguarda gli sviluppatori il discorso è stato un po’ più lungo. Per prima cosa abbiamo avuto modo di provare uno dei modelli del Nokia X. C’è poco da dire l’interfaccia (il launcher possiamo dire) è molto simile a quello degli smartphone con Windows Phone quindi potrebbe non incontrare i gusti di tanti utenti Android, anche se c’è la possibilità di utilizzare i widget. Il device era  scattante e reattivo, nonostante fosse il modello di fascia bassa, e nel corso dell’intero incontro (due ore circa) nonostante le varie prove, la batteria è scesa di appena un 3% circa. La prima buona notizia è stata che circa il 75% delle applicazioni che già oggi si trovano sul Play Store potrà essere pubblicata sul market Nokia senza nessuna modifica. Ad aiutare gli sviluppatori nella valutazione ci sarà il Nokia X analyser, un tool che andrà a verificare nel Manifest la  presenza di possibili incompatibilità.

In sostanza i motivi di incompatibilità posso essere l’utilizzo di Maps, che andrà sostituito con Here maps, le notifiche, il metodo di pagamento e infine i Google Service. Ma essendo volontà della Nokia fare in modo che gli sviluppatori possano creare un unico APK per entrambi i market hanno creato e stanno ancora ultimando, aggiornando e perfezionando, metodi per far coesistere entrambe le API e permettere poi al sistema operativo di utilizzare solo quelle che sono compatibili.

Per le applicazioni che non sono immediatamente compatibili o per testare più a fondo quelle che vengono dichiarate compatibili (cosa consigliata) c’è ovviamente la possibilità di scaricare l’SDK e di lavorare con l’oramai conosciuto Eclipse, ma c’è anche la possibilità di utilizzare un vero smarthone Nokia X  via web prenotandolo a questo indirizzo (ovviamente dopo aver creato un account Nokia), per 15 o 30 o 45 minuti. Non è detto che quest’ultimo servizio rimarrà attivo ma è davvero molto interessante, posto che la vostra connessione web possa renderne l’utilizzo piacevole.

Infine veniva raccomandato se possibile di uniformare l’aspetto grafico tenendo conto del fatto che esistono dei font proprietari (così come Google tende ad usare Roboto per tutto) e che per la gestione grafica servono solo i contenuti in HDPI. Un’esperienza interessante e un nuovo mercato per gli sviluppatori.

Ps. In via ufficiosa ci è stato fatto intendere che Nokia X non sarà l’unico prodotto della Nokia con Android a bordo.

Stefania Poggi

Nokia non svela insomma particolari retroscena, com’era prevedibile, e come già detto in passato, ci domandiamo se gli accordi per pagare con il credito telefonico saranno valido con tutti gli operatori anche qui in Italia. Notevoli però i dati sull’autonomia di Nokia X, che in fiera era impossibile misurare, e che comunque non mancheremo di verificare appena possibile, ed anche il fatto di poter utilizzare uno smartphone a fini di sviluppo. E se il “p.s.” di Stefania si concretizzasse in qualche modo, l’attenzione del mondo Android nei confronti di Nokia non potrebbe che crescere ulteriormente. Di seguito un paio di scatti dell’evento e un’immagine del Nokia X via web.

Nokia X

Nokia X

confronta modello

Ultime dal forum:

  • dal forum 01-01-1970 - 00:00
Nokia X