Philips SoundStage11

Philips SoundStage, la nostra prova della soundbar con NFC (foto e video)

Nicola Ligas -

Abbiamo avuto modo di provare un interessante dispositivo a marchio Philips, SoundStage, ovvero una soundbar pensata per arricchire l’esperienza audio del nostro televisore, che però ben si sposa anche con Android, grazie anche alla presenza di NFC, che rende pressoché istantaneo l’accoppiamento con gli smartphone che ne sono dotati, consentendoci così di trasmettere in un attimo la nostra musica attraverso i suoi grandi speaker.

LEGGI ANCHESonos Play:1 e Playbar, la nostra recensione

Philips SoundStage ha la sua collocazione ideale nel salotto di casa, sotto alla TV domestica: è infatti in grado di reggere sopra di sé un televisore fino a 55”, o comunque compreso entro i 22 Kg di peso. Per darvi un’idea delle sue dimensioni, gli abbiamo sovrapposto un monitor da 24”, in modo che possiate capire sia l’ingombro della soundbar, che arriva fino a 70 cm di larghezza.

Moltissime le doti di connettività presenti, che quindi rendono semplice il collegamento a pressoché qualsiasi tipo di dispositivo: dall’ovvia porta HDMI, alla USB per l’inserimento, ad esempio, di pendrive con MP3/WMA all’interno, passando per il jack da 3,5mm, che vi assicurerà praticamente il collegamento di qualsiasi tipo di dispositivo in grado di registrare/riprodurre audio. Abbiamo poi anche ingresso ottico, AUX e coassiale; infine, come già accennato, l’accoppiata Bluetooth + NFC risulta vincente per l’utilizzo con Android.

Il telecomando in dotazione controlla la riproduzione audio e la commutazione tra le varie fonti d’ingresso, oltre che presentare alcuni basilari controlli di equalizzazione (alti, bassi), e ci permette anche di abilitare o meno il Virtual Surround Sound, la cui qualità varia molto a seconda della sorgente.

Sul SoundStage stesso abbiamo un piccolo display, nascosto dalla mascherina dello speaker, che visualizza il tipo di sorgente attiva in quel momento e il volume o gli altri controlli attivati dal telecomando.

In linea di massima c’è una cosa di questo prodotto che vince su tutto: il rapporto qualità/prezzo (vedi sotto per i dettagli), che lo rende un ottimo candidato a popolare il salotto pressoché di chiunque, portando con sé una qualità audio di buon livello, che non conosce particolari debolezze, nemmeno ad alti volumi. I bassi sono enfatizzati, ma non esasperati, e gli alti non si fanno sottomettere, riuscendo a distinguere la voce delle persone anche in mezzo alle scene concitate e rumorose, magari con l’equalizzazione dedicata, lasciando comunque corposo anche l’ascolto di musica orchestrale.

Il sonoro sorround è forse il punto più variabile, sia a seconda della sorgente audio, che della stanza in cui andrete ad ascoltarlo, e comunque non al pari di altri impianti di qualità superiore, ma forse era inutile sottolinearlo, perché questi ultimi costano cifre nettamente superiori.

Philips SoundStage è disponibile infatti al prezzo ufficiale di 252,49€, ma è reperibile online a cifre considerevolmente inferiori, che quindi lo rendono ancor più appetibile, come ad esempio su ePrice, che lo propone a 180€.

Di seguito trovate un breve video tour del prodotto (difficile possiate rendervi conto della qualità audio tramite una registrazione in videocamera, quindi per quella dovrete prendere buone la nostra parole) e diverse foto che lo ritraggono da tutte le angolature. Per le specifiche tecniche dettagliate, potete consultare anche il sito di Philips.

video