Project Tango

Project Tango: svelati ulteriori dettagli tecnici sul funzionamento

Nicola Ligas

Project Tango, ovvero lo smartphone in grado di “percepire” l’ambiente circostante, è uno dei progetti più avveniristici e al contempo “spaventosi” di Google. I dettagli in merito sono scarsi, ma grazie a quanto scovato nell’issue tracker di Chrome dai colleghi di Myce, possiamo farci una migliore idea di come funzioni

LEGGI ANCHE: Google svela Project Tango

Lo smartphone è infatti composto da 4 ingredienti chiave:

  • una fotocamera posteriore da (soli) 4 megapixel
  • una fotocamera fish-eye (campo visivo di 180°
  • una fotocamera anteriore con angolo di visione 120°
  • una fotocamera in grado di percepire la profondità, che cattura immagini ad appena 320 × 180

A questo si uniscono un sensore ad infrarossi e un ulteriore sensore in grado di rilevare i movimenti, e chissà cos’altro. Il quadro infatti non è ancora del tutto completo, perché basato su informazioni via via trapelate, ma, alla fine dei conti, il risultato è strabiliante, e lascia aperte le porte ad un mondo futuro in cui lo smartphone non solo anticipi i desideri del suo proprietario (leggi: Google Now), ma capisca davvero l’ambiente che lo circonda, al fine di aiutare meglio l’utente. Se tutto ciò sia più utile o più inquietante, lo lasciamo decidere a voi.

video