Onlive new header

OnLive: il servizio di gaming in streaming si rinnova con due nuove sottoscrizioni mensili

Lorenzo Delli

OnLive non ha passato esattamente un periodo roseo: nell’agosto 2012 la società è stata infatti venduta (e tutti i dipendenti sono stati licenziati) e fino a oggi non ha più fatto parlare di sé. La nuova società, che ha conservato il nome e il suo fondatore, divenuto CEO, ha lanciato proprio in questi giorni due nuovi servizi dedicati in buona parte al settore mobile e, più in particolare, ai tablet Android.

LEGGI ANCHE: OUYA Everywhere: un progetto per giocare con OUYA… senza OUYA!

Il principio rimane in pratica lo stesso: un servizio di gaming in streaming che ci permette di giocare a titoli selezionati disponibili per piattaforma PC e Console sui nostri tablet Android, tramite l’apposito applicativo presente sul Play Store. Tra l’altro, iscrivendosi al servizio e scaricando l’applicativo, è possibile testare con mano un paio di titoli gratuitamente. La vera novità consiste nelle due sottoscrizioni mensili proposte da OnLive: la prima è forse la più innovativa, e si chiama CloudLift. Nel caso aveste già acquistato via Steam alcuni dei giochi presenti nella lista (per il momento ristretta) del servizio di streaming, potrete giocarci tranquillamente sul vostro tablet Android. CloudLift viene a costare circa 15 dollari al mese e comprende alcuni dei titoli più recenti arrivati su PC e Console.

L’altro servizio, intitolato invece PlayPack, vi permette, con una spesa di circa 10 dollari al mese, di giocare ad uno qualsiasi dei 250 titoli presenti nella libreria. I giochi presenti in questo pacchetto sono leggermente più “attempati“, ecco il perché del prezzo minore rispetto a Cloudlift. Iscrivendovi ai due servizi potrete comunque testarne con mano le funzionalità prima di decidere se pagare la sottoscrizione. Se siete interessati potete fare un salto sul sito ufficiale (in inglese) che trovate a questo url e provare sui vostri tablet l’apposito applicativo gratuito.

Google Play Badge

 

Fonte: Pocketgamer