googleio

VMware virtualizzerà le tradizionali applicazioni per Windows sui Chromebook

Nicola Randone -

Non è certo una novità che la nota azienda produttrice di software di virtualizzazione VMWare sia da tempo interessata a sviluppare per i piccoli computer di Mountain View meglio conosciuti come Chromebook.

La foto in testa ritrae un momento del Google I/O del 2011 dove anche Citrix appariva tra i partner di Chrome OS, il sistema operativo dei Chromebook, per un vicino futuro di virtualizzazione che potesse portare qualsiasi utente ad utilizzare programmi come Photoshop o AutoCAD su dispositivi diversi dai PC con Windows o dai MAC attraverso l’interfaccia del comune browser.

LEGGI ANCHEDue istanze di Android sullo stesso dispositivo

Ad ogni modo, proprio oggi sul blog di Google dedicato alle soluzioni per il business appare un post che riapre ancora la questione virtualizzazione accennando ad un nuova tecnologia, parliamo di WMWare Horizon DaaS, una piattaforma per Service Providers che consentirà di trasferire applicazioni Windows in qualità di servizi cloud a qualsiasi utente e su qualsiasi dispositivo.

Il client, VMware Horizon View, utilizzerà la tecnologia HTML5 del browser congiuntamente al protocollo Blast di VMWare per far girare le applicazioni cloud sul Chromebook; rispetto a quanto fatto in passato, l’utilizzo di un diverso ambiente di virtualizzazione dovrebbe aumentare le prestazioni e rendere l’esperienza più usabile.

Il client dovrebbe essere installabile a breve direttamente dal Chrome Web Store, Google ha comunque predisposto una pagina di contatti (in lingua inglese) per chi desiderasse ulteriori informazioni in merito. Da parte nostra confidiamo in una consistente evoluzione del sistema in modo che, in un futuro non troppo lontano, anche nei nostri tablet Android potremmo usare agevolmente qualsiasi programma per Windows.

Fonte: Google Blog