Omni Notes 1

Omni Notes sfida Google Keep ed Evernote per gestire tutti i nostri appunti (foto)

Nicola Ligas -

Omni Notes 8

Ormai verrebbe da pensare che nel campo di note e appunti ci sia ben poco da dire su Android, con i grandi nomi del settore che calamitano su di sé tutte le attenzioni e gli utenti. Parliamo in particolare di Google Keep ed Evernote, che lo sviluppatore della nuova Omni Notes non ha paura di chiamare in causa, spiegandoci perché ha creato un’app in un settore così pieno di concorrenza.

Se anche secondo voi Evernote è troppo complessarichiede un gran numero di clic anche per le cose più banali e vi piacerebbe non dover pagare per avere le note offline, e Google Keep manca di un ordinamento automatico e trovate carenti le funzioni per allegare contenuti multimediali alle note, allora date uno sguardo al lavoro di arnesottolo, da tempo membro del celebre forum di XDA.

LEGGI ANCHE: Keep sul web e su Android

La sua Omni Notes si presenta infatti con un’ottima grafica, moderna, funzionale e al pari se non superiore a quella degli illustri concorrenti citati. L’app è inoltre open-source, così chiunque potrà verificare che il codice non abbia niente da nascondere, e permette un’ampia personalizzazione della nostra esperienza, che include la possibilità di creare quante categorie vogliamo, di ordinare le note in base a vari parametri, e di allegare con facilità foto, video, audio e la nostra posizione.

Mancano all’appello due grandi funzioni: la sincronizzazione nella cloud e le checklist, ma lo sviluppatore ne è ben conscio e promette di porvi rimedio nelle prossime release, di quella che per adesso viene comunque considerata ancora una beta. Nessun commento invece in merito ad una controparte web dell’applicazione, della quale sia Keep che Evernote sono dotati.

La potete comunque scaricare gratuitamente dal Play Store tramite il badge sottostante, e in attesa che gli annunciati miglioramenti arrivino, siamo sicuri che inizierete già ad apprezzarla.

Google Play Badge

Via: XDA
evernote