Intel Jarvis

Jarvis: l’headset di Intel che ci farà da assistente personale

Lorenzo Delli -

Era logico aspettarsi in questo CES la presentazione di qualche diretto concorrente dei Google Glass. Il guanto di sfida non è arrivato solo da Epson con Moverio BT, ma anche da Intel, che aveva promesso per questa occasione di lanciarsi nel settore dei wearable device.

LEGGI ANCHE: Intel starebbe spingendo per l’unione tra Windows e Android

Jarvis: pare essere questo il nome in codice del nuovo headset a marchio Intel che si propone come sfidante, ma anche come alternativa, ai Glass di casa Google. Ovviamente la mente vola all’assistente virtuale di Tony Stark, ed in parte è proprio ciò che Intel intende proporre con questo accessorio.

Quello che vedete di fianco è un semplice render, o meglio, un reference design. Il device sfrutterà il Bluetooth per connettersi al proprio smartphone e sarà capace di offrire una durata giornaliera di autonomia. Come avrete intuito, dovremo dettare a voce a Jarvis i comandi, senza però attendere risposta da parte dell’assistente: sarà sufficiente impartirgli una sequenza di comandi e l’headset provvederà ad eseguirli. Per concludere la serie di input, sarà sufficiente toccare il dispositivo o concludere con una frase chiave. Jarvis inoltre ci avvertirà di eventuali notifiche sul nostro smartphone, imparando anche a scegliere i momenti più opportuni per farlo. Sconosciuti il prezzo e la data di lancio, quest’ultima prevista comunque per la fine di quest’anno.

intel-smartwatch

Intel ha mostrato anche un prototipo di smartwatch con ignoto sistema operativo (dalla barra delle notifiche pensiamo ad Android, ma non possiamo dirlo con certezza). Si tratta di un dispositivo standalone che non necessita di uno smartphone cui accoppiarsi, ed in grado di telefonare e navigare in perfetta autonomia, e anche di gestire notifiche basate sulla posizione. Il destino di questo accessorio è comunque quantomai incerto, dato che non ne conosciamo nemmeno il nome, anche se dovrebbe essere disponibile in un qualche momento dell’anno appena iniziato.

Fonte: Android Authority
CESCES 2014intel