Android-App-Development

LiquidFun e un nuovo plugin per Unity: le mosse di Google in ambito gaming

Roberto Orgiu

A febbraio, più di 15 nuove categorie videoludiche spunteranno sul Play Store, ma sono già disponibili nella console per sviluppatori del noto negozio virtuale: a dirlo è il team di Android Developer tramite il social network di casa, sul quale annunciano, oltre a questa nuova suddivisione, anche due interessanti strumenti per tutti gli sviluppatori di videogiochi.

LEGGI ANCHE: Nuove categorie videoludiche in arrivo sul Play Store

Il primo, LiquidFun, è un motore fisico bidimensionale scritto in C++ e basato su Box2D: grazie a questa libreria, implementabile su diverse piattaforme (tra le quali il robottino verde di Google e il sistema operativo di Apple), sarà possibile inserire nel proprio titolo i meccanismi necessari a fornire un’esperienza realistica ai fluidi attraverso un sistema a particelle.

Le sorprese non sono però finite e ci attende anche un nuovo plugin per Unity, utilizzabile direttamente dal proprio IDE, che permetterà a tutti gli sviluppatori di implementare in maniera molto più semplice e veloce tutti i servizi di Google Play Games: sincronizzazione dei punteggi, classifiche, sign-in tramite accound Google, achievements e salvataggi nel cloud.

Se siete quindi game developer, vi consigliamo di fare almeno un salto sulle pagine GitHub di LiquidFun e del plugin di Unity mentre, se siete solamente curiosi di vedere il nuovo motore fisico di Google all’opera, scorrete l’articolo fino ad oltre il salto per gustarvi un breve video dimostrativo.

video