warp

Warp: personalizziamo i colori della nostra status bar [root]

Lorenzo Quiroli

Nuova settimana, nuovo giovedì e di conseguenza nuovo appuntamento con Warp, la nostra rubrica dedicata alla personalizzazione del vostro dispositivo Android, puntata dedicata oggi a chi vuole dare un tocco di colore alla propria status bar. Purtroppo, come il titolo svela piuttosto esplicitamente, per procedere avrete bisogno dei permessi di root.

Molte ROM offrono spesso la possibilità di applicare alcune modifiche alla propria status bar attraverso alcune impostazioni aggiuntive, ma come ormai ben sappiamo grazie a Xposed (e ad uno dei suoi tanti moduli) è possibile svolgere molte delle operazioni, tra cui questa, senza bisogno di dover flashare il firmware che più si adatta a noi, ma semplicemente modificando quello che stiamo utilizzando.

2013-12-11 20.19.29Dopo averlo scaricato ed installato i due apk, dovremo aprire Xposed e installare il suo framework; spostiamoci poi nella sezione moduli e abilitiamo Tinted Status Bar, che ci servirà per personalizzare a nostro piacimento la nostra barra di stato in una maniera simile a quella che in un’altra puntata avevamo mostrato parlando delle possibilità della Paranoid Android.

LEGGI ANCHE: Warp, le personalizzazioni di Paranoid Android 

Affinché le modifiche diventino visibili dovremo riavviare il nostro dispositivo: in questo modo lo sfondo della status bar verrà dipinto dello stesso colore della action bar. Potrete scegliere su quali applicazioni eseguire quest’operazioni, e nelle impostazioni scegliere un colore predefinito per le icone, per la barra e anche per la navbar; in questo modo potrete anche tenere la barra completamente nera, cambiando solamente il colore delle icone di     Wi-Fi, segnale, batteria e orologio.

Servirà un po’ di pratica per padroneggiare al meglio tutte le possibilità di personalizzazione, ma con un po’ di abitudine si riesce sempre meglio a configurare secondo la nostra volontà la status bar. A seguire vi lasciamo con alcuni screenshot che abbiamo fatto durante la nostra prova (alcuni di essi sono davvero orrendi, ma non vi scoraggiate, con un po’ di pratica il risultato sarà sicuramente migliore!).