7.0

injustice gods among us alternative header

Injustice Gods Among Us: meglio un’invasione di squali volanti o una dittatura con Superman? [Recensione]

Giorgio Palmieri

injustice gods among us iconaContinua l’epopea del gamer su Android, una lunga storia fatta di miti e leggende che spartiscono l’un l’altro delle attese ai limiti della tolleranza umana. Si parte da piccoli capolavori come Kingdom Rush, i quali tempi di rilascio sui dispositivi del robottino verde hanno sfiorato il biblico (per fortuna la stessa storia non vale per il suo seguito, Kingdom Rush: Frontiers), fino ad arrivare all’ormai ben assaporato Plants Vs. Zombies 2, di cui, perché no, potremo scriverci un libro, tra gossip e rinvii vari il materiale c’è. Chiusi questi capitoli se ne aprono altri, ed infatti oggi tocca ad Injustice: Gods Among Us, ennesimo titolo uscito prima su iOS e poi su Android, come ormai vuole la prassi (anche se, stranamente, esiste qualche eccezione, ma occhio a non abituarsi). L’attesa qui è stata particolarmente lunga (il gioco è nato come companion-app della versione PS3/X360 uscita sugli scaffali dei negozi a metà aprile) ma, come si suol dire, quella ripaga sempre, quindi godiamoci quest’ultima fatica mobile di NetherRealm Studios per il robottino verde ed intanto aspettiamo Batman: Arkham Origins, sempre della stessa software e, ripetetelo insieme a noi come una filastrocca, titolo uscito già su iOS e a breve (si spera) su Android. Niente pregiudizi verso questo picchiaduro con protagonisti i mitici supereroi DC nonostante il fantastico trailer rilasciato qualche mese fa: spazio alla nostra analisi.

7.0

Giocabilità

La prima super mossa di Deathstroke richiederà swipe continui verso l'alto allo scopo di aumentare il bonus danni.

Il movimento non è gestito dal giocatore poiché è del tutto automatizzato

Injustice: Gods Among Us è picchiaduro che snellisce le classiche meccaniche del genere per proporre una formula di gioco adatta al mobile gaming.  Il movimento non è gestito dal giocatore poiché è del tutto automatizzato, dunque non è possibile schivare né raggirare il nemico: il compito dell’utente sarà quello di effettuare colpi e super mosse a suon di tap e swipe sul dispositivo al fine di sconfiggere l’avversario. Le battaglie vertono su scontri tre contro tre, ed il nostro team potrà essere costruito scegliendo tra un roster di personaggi niente male: si va dai mitici Batman, Superman, Flash e Freccia Verde fino ad arrivare a Joker, Lex Luthor e tanti, tantissimi altri. I combattenti sono ben caratterizzati soprattutto dal punto di vista estetico proprio perché oltre alla versione classica esistono varie tipologie dello stesso personaggio, con costumi diversi e ben disegnati, in linea con il mondo DC. Purtroppo lo stesso non possiamo dire delle mosse, in quanto alcuni eroi si somigliano parecchio e le differenze sono ridotte all’osso in termini di gameplay a causa di un sistema di combattimento semplicistico. Nello specifico, due sono gli attacchi disponibili: colpo leggero, ossia una combo di tre attacchi attivabile con (appunto) tre tap sullo schermo, di cui l’ultimo verrà subito seguito da uno swipe il quale, una volta eseguito, concluderà la nostra scenica concatenazione con un colpo K.O. che butterà a terra l’avversario; l’ultimo, il colpo pesante, un’altra combo a tre colpi ma più lenta del colpo leggero ma più potente in termini di danno.

Alcune carte hanno costi esorbitanti se prese singolarmente, infatti il gioco spinge all'acquisto dei pacchetti contenenti carte casuali, ma a costi decisamente più bassi rispetto alle singole carte.

il bilanciamento delle battaglie si inclina verso la forza dei personaggi in termini numerici piuttosto che sull’abilità del giocatore

Le altre due azioni sono la parata, attivabile eseguendo con due dita due tap prolungati, e la super mossa. Quest’ultima è rappresentata da una barra suddivisa in tre tacche e, da ognuna di queste, se premute, scaturisce una mossa speciale che darà vita ad una sequenza di tasti da premere (dai tap ripetuti a schermo, a swipe consecutivi ed altri comandi). Più si esegue correttamente la concatenazione, più danni infiliggeremo al nemico. Il sistema di combattimento è molto accessibile ed immediato, ma lunghe (neppure tanto) sessioni potrebbero portare inevitabilmente alla noia a causa della ripetitività dell’azione di gioco e delle poche mosse che si riducono ad un button-smashing (o, meglio, swipe/tap-smashing) un po’ banale. A ciò si aggiunge anche un po’ di macchinosità nei controlli, in particolar modo nell’attivazione della parata, non sempre reattiva. Altro difetto è il bilanciamento delle battaglie che si inclina verso la forza dei personaggi in termini numerici piuttosto che sull’abilità del giocatore, difetto che porterà al grinding (ossia il ripetere alcune sfide per salire di livello) nelle fasi più avanzate della pseudo-avventura. Nel complesso, però, il gioco riesce ad intrattenere grazie ad un buon sistema di progressione che, seppur non molto profondo, possiede il merito di appagare il giocatore sia tramite l’acquisto di nuovi personaggi e carte, che per quanto riguarda il potenziamento delle stesse, operazione assuefante che potrebbe tenervi incollati per molto tempo.

7.0

Contenuti

Harley Queen sarà pure matta da legare, ma ha il suo fascino.

un roster di personaggi composto da oltre 30 eroi

Nonostante un po’ di ripetitività di fondo, i contenuti in Injustice: Gods Among Us di certo non mancano: più di 40 le battaglie disponibili, ognuna caratterizzata da tre o più match, per poi passare ad un roster di personaggi composto da oltre 30 eroi, dai più famosi (Wonder Woman, Deathstroke, Lanterna Verde) ai meno conosciuti (Black Adam, Lobo), ed ognuno di questi potrà essere potenziato con le carte supporto (più di 50). Purtroppo è del tutto assente una trama e, inoltre, non c’è nessun tipo di modalità innovativa oltre ad alcune variazioni nel combattimento classico (tipo la battaglia potere, dove la barra delle mosse speciali si caricherà più velocemente). Assente anche il multigiocatore, grave pecca del titolo di NetherRealm Studios. Anche gli stessi contenuti presenti nella versione iOS (come la sfida di Aquaman) sono stati rimossi, probabilmente verranno aggiunti in seguito. A suo favore c’è il collegamento con la versione HD per console: connettendo l’account WB, infatti, è possibile sbloccare alcuni contenuti (come costumi o altro) per PS3/X360 giocando alla versione mobile e, viceversa, giocare alla versione PS3/X360 vi farà sbloccare oggetti e personaggi nella versione Android. Tirando le somme, la longevità si attesta su livelli solo discreti nonostante le buone potenzialità della formula, poiché il sistema di combattimento immediato ma ripetitivo e una struttura troppo lineare e poco variegata influenzano negativamente nella valutazione finale.

8.0

Comparto Audiovisivo

Ogni personaggio possiede abilità passive particolari che garantiscono particolari benefit durante il combattimento.

Dal lato tecnico siamo di fronte ad un buon lavoro svolto dagli artisti di NetherRealm Studios. I modelli poligonali sono ben particolareggati, coadiuvati da una varietà di animazioni convincente. Il lato sonoro fa il suo sporco lavoro, sia della campionatura degli effetti che nelle musiche: da lodare in particolar modo il tema principale, decisamente epico e molto elettrizzante. Poco curata l’interfaccia, spartana e poco intuitiva soprattutto nei menù, ci aspettavamo infatti un miglioramento più tangibile dopo mesi e mesi di attesa dalla versione iOS, ma l’impostazione è rimasta invariata.

7.0

Prezzo

Acquisti in-app di Injustice: Gods Among Us per quanto riguarda i Super Crediti.

È del tutto assente una valuta premium, ma è presente il sistema ad energia

Injustice: Gods Among Us è disponibile sul Play Store gratuitamente, costo supportato dagli acquisti in-app volti a sbloccare ulteriori Super Crediti. La progressione è lenta, non tanto nelle fasi iniziali quanto in quelle avanzate poiché i personaggi andranno potenziati a dovere per affrontare i nemici più agguerriti. È del tutto assente una valuta premium, e questo gioca senz’altro a suo favore, ma purtroppo è presente il sistema ad energia tipico dei free-to-play. C’è da dire che ogni personaggio ha una barra di energia apposita, quindi basta cambiare composizione del team per continuare a giocare, ma è pur sempre una meccanica che rallenta lo scorrimento dell’azione e limita il divertimento. Il gioco, però, vi ricompenserà di tanto in tanto con consumabili che ricaricheranno la barra energia. Questi possono essere acquistatati tramite in-app purchase; date un’occhiata ai prezzi nello screenshot a seguire:

Acquisti in-app di Injustice: Gods Among Us per quanto riguarda l'energia.

Gli acquisti in-app non sono molto invasivi anche se facilitano di molto la progressione e, inoltre, i costi di questi sono decisamente elevati. L’ammontare di divertimento offerto, però, si attesta su alti livelli considerando il prezzo pari a zero per usufruire dell’offerta ludica.

7.0

Giudizio Finale

Injustice: Gods Among Us è un titolo discreto che riesce a divertire se preso senza impegno e, soprattutto, a piccole dosi. Il gameplay, seppur accessibile e adatto alle piattaforme mobile, risulta alla lunga ripetitivo e semplicistico. Il tutto è farcito da un buon comparto tecnico e da un’offerta contenutistica soddisfacente, ma che lascia dell’amaro in bocca a causa della mancanza del multigiocatore e di una modalità storia. L’idea di collegare l’esperienza mobile con quella su console è vincente e stimola il giocatore, immergendolo nel mondo DC a 360°. Da segnalare l’enorme quantitativo di batteria richiesta per usufruire dell’applicazione: prestate la dovuta attenzione a questo fattore nella speranza che gli sviluppatori sistemino presto il problema. Tirando le somme siamo davanti ad un titolo da provare nonostante gli evidenti difetti, e lo consigliamo soprattutto ai fan del mondo di Batman e compagni.

 

Download

Google Play Badge

Trailer

Screenshot

Recensionevideo