pete G+

Si dimette il Vice Presidente di Oppo che aveva parlato del prossimo CyanogenMod-phone

Nicola Ligas -

Qualcosa si sta decisamente muovendo in casa Oppo, anche e soprattutto in relazione a CyanogenMod; ma andiamo con ordine e riassumiamo brevemente le puntate precedenti.

Steve Kondik ha recentemente pubblicato una foto di sé stesso assieme a Koushik Dutta e Pete Lau, Vice Presidente di Oppo, commentando lo scatto in maniera piuttosto esplicita, riferendosi ad un prossimo CyanogenMod-phone. Avevamo quindi supposto che il nuovo smartphone sarebbe stato frutto di una collaborazione profonda con Oppo, più di quella che ha portato alla nascita di N1, che in fondo è un telefono dell’azienda cinese con la possibilità di installare CM, ma non è nato da zero secondo le specifiche di Kondik e soci.

LEGGI ANCHECyanogenMod (e Oppo) al lavoro su un “anti-Nexus”?

Lau sembrava invece più che devoto a questo scopo, affermando che il trio era al lavoro su “qualcosa in grado di cambiare il mondo Android,” e che un autentico e “perfetto top di gamma Android” fosse in lavorazione.

Ora però giunge notizia che Lau si è dimesso dalla sua carica presso Oppo. Il significato di questa mossa non è chiaro, e sebbene sia logico speculare una connessione con CyanogenMod, non è scontato che le cose stiano per forza così. In ogni caso, pur non essendo più un dirigente dell’azienda cinese, non è da escludere che possa comunque esserci una qualche collaborazione con Oppo, tanto più che l’asticella per questo CyanogenMod-phone sembra puntare davvero in alto (SoC Snapdragon 8974AC con clock di ben 2,5 GHz e prezzo analogo al Nexus 5), ma non chiedeteci dove e quando lo vedremo, perché anche in questo caso l’ETA rimarrebbe una domanda senza risposta.

Via: Engadget