appgratis

AppGratis: l’idea e il futuro di questo progetto

Roberto Orgiu

All’Apps World di Londra siamo riusciti a parlare con uno dei fondatori di AppGratis, software che di sicuro molti dei nostri lettori conoscono, il quale ci ha raccontato brevemente della storia di quest’idea: nata a Parigi, nel 2009 sbarca su iOS, arrivando sul robottino verde solamente nel 2013, dopo un anno di test e accordi con gli sviluppatori, che sono la fonte primaria per questa società.

AppGratis lavora infatti con i vari publisher per portare ogni giorno un’offerta diversa sui nostri terminali, come sconto totale o parziale, attraverso codici o download dedicati che faranno risparmiare noi utenti sul prezzo di diverse app: ma se tutto è gratis, dov’è il guadagno per AppGratis?

Gli incassi di questa società sono basati sulla condivisione di traffico e sulla vendita di link sponsorizzati, mentre le applicazioni proposte quotidianamente ottengono (senza costi) un incremento di visibilità per le proprie creazioni: un giusto compromesso per espandere il proprio mercato ad un costo decisamente inferiore rispetto a quello offerto da altri servizi.

Sul fronte Android, AppGratis non teme particolarmente avversari od oppositori, visti sia la comunità di utenti sia la vastità del mercato, decisamente enorme e inadatto ad un monopolio, asserendo che ognuno di questi servizi (come l’App del Giorno di Amazon o App Of The Day) va ad aggredire una tipologia diversa di mercato, senza interferire troppo l’uno con l’altro, contando anche che il robottino non è responsabile che della metà dei guadagni di questa società, che fa comunque affidamento su iOS per una buona parte delle sue entrate.

Attualmente, il più grande obbiettivo di AppGratis è stata la localizzazione in 10 diverse lingue e la distribuzione in oltre 30 paesi, anche se i numeri sono destinati a crescere e a premiare gli sforzi di una società che ha fatto dell’utente il suo centro.

Se non avete ancora scaricato AppGratis sul vostro dispositivo, provatelo tramite il badge sottostante: magari, tra le varie offerte, troverete quella che fa per voi (in ogni caso, come sempre, saremo noi a segnalarvi quelle che riteniamo più ghiotte).

Google Play Badge