dead trigger 2 header

Dead Trigger 2: l’FPS free-to-play di Madfinger Games disponibile finalmente su Android

Lorenzo Delli -

dead trigger 2 iconL’attesa durata più di dieci mesi è terminata: la software house Madfinger Games, divenuta famosa in mobile grazie a Shadowgun e a Dead Trigger, ha rilasciato ufficialmente sul Play Store Dead Trigger 2, il seguito del primo survival horror – FPS (first person shooter, ovvero sparatutto in prima persona). Ne parlavamo da gennaio, quando durante la presentazione del nuovo SoC NVIDIA Tegra 4 al CES di Las Vegas fece capolino proprio il suddetto gioco. Purtroppo il gioco ha subito qualche piccolo ritardo, ma vista la sua attuale disponibilità non possiamo certo lamentarci. Cos’è Dead Trigger 2: per chi si fosse perso il primo capitolo, si tratta di uno sparatutto in prima persona che ci vede protagonisti, o meglio, sopravvissuti, in un futuro segnato da una classica apocalisse zombie che ha sterminato la maggior parte della popolazione. Il nostro compito sarà quello di combattere l’orda crescente di zombie cercando di arginare anche nuove specie ed enormi mostri non morti che hanno fatto la loro comparsa in diverse zone del mondo.

Quali sono quindi le differenze tra il secondo ed il primo capitolo. Il più evidente riguarda sicuramente il motore grafico: se già Dead Trigger poteva vantare ottimi effetti visivi, il secondo capitolo, sempre sviluppato con l’ausilio di Unity, vanta una resa grafica ancora migliore, con più effetti e con un risultato complessivo ancora più godibile. A tal proposito, Dead Trigger 2 vanterà effetti aggiuntivi su dispositivi dotati di SoC NVIDIA Tegra 4. Avremo ovviamente anche a che fare con nuove missioni: scorteremo sopravvissuti, usciremo a caccia di carburante o di scorte alimentari o dovremo difendere postazioni sensibili con fucili da cecchino o con il classico minigun.

Inoltre, come già accennato, avremo a che fare con nuovi zombie, come Vomitron, un non morto che sputa acido, Scienfist e anche Kamikaze, uno zombie con il brutto vizio di scoppiarvi addosso. Visiteremo inoltre molte più località: ci troveremo ad esempio per le strade di alcune cittadine statunitensi, ma ci troveremo anche ad affrontare la minaccia zombie in pieno giorno su suolo africano. Il gameplay però di fatto non ha subito grosse variazioni: come ogni buon FPS, ci troveremo a sparare all’impazzata contro tutto ciò che ci si parerà di fronte. Certo, potremo sfruttare oggetti tattici come torrette automatiche, i nuovi polli esplosivi, mine, granate e quant’altro. Potremo optare per la modalità di fuoco manuale o per quella automatica, che farà fuoco appunto quando mireremo un qualsiasi “walker“.

Come oramai già forse saprete, Dead Trigger 2 è stato realizzato come titolo free-to-play: il download dal Play Store è quindi gratuito, ma troverete nei menu di gioco acquisti in-app volti a sbloccare più velocemente l’equipaggiamento da sfruttare durante le missioni. Non vi sarà un sistema di energia che vi impedirà di giocare oltre un certo numero di azioni, ma per sbloccare nuove armi dovremo talvolta sudare sette camicie: dovremo non solo trovare tutti i blueprint dell’oggetto, ma anche attendere qualche ora per la costruzione. Con lo stesso sistema si potranno anche assemblare medkit, esplosivi e quant’altro. Detto questo, non vi rimane altro che provare con mano il nuovo lavoro di Madfinger Games: a tal proposito eccovi serviti con link al Play Store, trailer e alcuni screenshot. Insomma, tra Dead Trigger 2 e Plants vs. Zombies 2 ci siamo assicurati ore e ore di divertimento! Fateci sapere nei commenti cosa ne pensate!

Google Play Badge

dead triggervideo