terraria header

Terraria 2: il seguito dell’RPG sandbox arriverà anche in mobile

Lorenzo Delli

In una recente intervista, Andrew Spinks, il creatore di Terraria, ha annunciato di essere al lavoro sul seguito dell’RPG sandbox da lui sviluppato. In realtà la creazione del codice del gioco non è ancora cominciata, per cui si parla di un qualcosa che sarà disponibile anche tra più di un anno. Interrogato a proposito di Terraria, Spinks ha ammesso le limitazioni imposte dalla sua creazione, dichiarando l’intenzione di permettere al giocatore, in Terraria 2, di creare infiniti mondi. Ma l’affermazione da parte dello sviluppatore che ci ha portato qui riguarda l’intenzione dello stesso di portare Terraria 2 su più piattaforme oltre al PC, incluse quindi le piattaforme mobili (Android e iOS).

Il primo capitolo è giunto di recente su Android: Terraria è disponibile gratuitamente sul Play Store, offrendo ai giocatori una sorta di demo/introduzione per testarne le potenzialità, permettendo poi in seguito di acquistare tutte le feature del titolo ad un prezzo pari a circa 5 euro. Il termine sandbox è divenuto, da Minecraft, di uso comune nel mondo videoludico, e sta ad indicare quel genere di giochi che non hanno uno scopo preciso e che permettono al giocatore di esprimere tutta la loro creatività creando e distruggendo in un’ambientazione a dir poco vasta.

I am wanting to code Terraria 2 in a more portable language so it can be released on multiple platforms at launch or close to launch.“: l’intenzione è quindi quella di tradurre il gioco in più lingue possibili e lanciarlo quasi in contemporanea su più piattaforme. Non ci rimane quindi che attendere novità da Spinks, ingannando l’attesa con il primo capitolo.

Fonte: Pocketgamer