Photofeed

Photofeed: mettete al sicuro le vostre foto

Erika Gherardi

Ormai siamo abituati ad avere foto ovunque: un po’ sul pc, un po’ sul telefono, un po’ in qualche hard disk esterno e, da qualche anno a questa parte, su Facebook. Una marea di fotografie che non sappiamo mai dove ripescare e che potrebbero andare perse in un attimo. Fortunatamente non è così facile perdere tutto, soprattutto perché ormai esistono servizi per il cloud storage  che ci permettono di caricarle online e tenerle al sicuro. Uno di questi è Photofeed.

Photofeed ci è piaciuto in primis per la sua universalità: c’è l’app per Android, quella per il vostro Mac e quella per Windows, ma anche la versione Desktop e il backup delle vostre foto di Facebook. Insomma, potete salvare più o meno ogni foto in vostro possesso.

Il funzionamento è piuttosto intuitivo, anche perché una volta che avrete installato il software sul vostro device farà tutto da solo, cercando e caricando tutte le immagini che trova. Comodissimo per non perdere nulla ma poco personalizzabile visto che il sistema effettua l’upload di qualsiasi foto senza possibilità di scelta. Dalla sua però ha il mantenimento dell’organizzazione in Album già presente nel vostro device, la presenza della timeline per trovare rapidamente ogni fotografia tramite la data, il riconoscimento dei doppioni (così non sprecate spazio) e, naturalmente, la presenza della crittografia a 256 bit per essere certi che le vostre immagini siano veramente al sicuro. Ovviamente questo non significa non poter mostrare le foto agli amici. È infatti presente la funzione di sharing che vi consente di decidere con chi condividere le foto.

E il costo? Esistono diversi piani: Free, Plus, Pro, Platinum. Ognuno offre naturalmente feature diverse; si parte dal piano gratuito che impone il limite di 1000 foto a quello Platinum che offre spazio illimitato, ricerca dei doppioni e persino supporto ai file Raw per circa 20 euro al mese. Tanto? Beh, in realtà dipende da quello che avete intenzione di fare con il vostro Photofeed e da quanto pensate di sfruttarlo. Fortunatamente per voi l’app vi offre una prova gratuita della versione a pagamento così potete decidere se fa o meno al caso vostro.

Get it on Google Play