CMInstaller_1

Steve Kondik e Koushik Dutta fondano Cyanogen Inc. e annunciano un’app per installare CM dal Play Store

Lorenzo Quiroli -

CyanogenMod è sicuramente un nome conosciuto nel panorama Android, soprattutto tra i più “smanettoni”, ma da oggi potrebbe iniziare a voler essere qualcosa di più: se fino ad ora questo firmware rappresentava per molti semplicemente un modo per avere l’ultima versione di Android sul proprio smartphone (dotata di alcune personalizzazioni aggiuntive), le cose potrebbero presto cambiare.

Le ambizioni del team di CyanogenMod, e in particolare del suo storico fondatore, Steve Kondik e dell’ormai altrettanto celebre sviluppatore Koushik Dutta, sono molto più ampie e abbiamo già avuto i primi segnali di ciò con progetti come Focal; vi ricordate però di cyngn.com? Il misterioso sito aveva un countdown scaduto lo scorso agosto, che però solo ora ha svelato il suo vero volto: quello di Cyanogen Inc. (foto degli uffici a fine articolo.)

L’obiettivo certamente ambizioso di questo nuovo capitolo nella storia di CM è il terzo posto nella classifica degli OS per smartphone, dietro Android e iOS (rivendicando in questo modo anche una propria identità separata dal robottino verde) e per far ciò ha raccolto ben 7 milioni di dollari diventando partner di Benchmark Capital e Redpoint Ventures. Inoltre pare che esista un accordo con un produttore di smartphone per vendere telefoni con preinstallato il celebre firmware, e che questo accordo verrà ufficialmente annunciato nelle prossime settimane. CyanogenMod non intende però cambiare il modello prescelto, ossia quello dell’open-source, e dato che il software rimarrà libero,  la loro strategia sarà di guadagnare in futuro denaro attraverso servizi, un po’ come Google stessa.

Non tutti però sono disposti a moddare il proprio smartphone, considerando i rischi che ciò comporta per i più inesperti. Per questo motivo nelle prossime settimane arriverà su Google Play una app che consentirà l’installazione della famosa Rom con un solo click, rendendola accessibile anche a chi non ha esperienza di modding (probabilmente sarà accompagnata anche da un software per Windows).

Un nome conosciuto da tutti gli appassionati utenti del robottino verde, ma riuscirà veramente a farsi amare anche da tutti gli altri? Questo è nuovo capitolo della storia di CyanogenMod, come lo definisce lo stesso Steve Kondik, e non possiamo fare altro che i nostri migliori auguri a questo progetto, ansiosi di poterne provare con mano i risultati.

Fonte: CyanogenMod