IntelHeader

Intel rilascia gratuitamente il proprio compilatore C++ per Android

Roberto Orgiu -

Il C++ non è certo il primo linguaggio cui pensiamo se ci poniamo nell’ottica di scrivere un’app per il nostro amato robottino e solamente in rare occasioni ci ricordiamo che, oltre al Software Development Kit, Android ha anche un Native Development Kit, orientato verso l’utilizzo di quelle funzionalità che richiedono una maggiore ottimizzazione delle risorse.

Al momento, il compilatore fornito con questo secondo pacchetto, abbreviato NDK, è una la versione 4.6 del Gnu Compiler Collection: è proprio questo il target che Intel vuole andare a sostituire con il suo software, distribuito gratuitamente per un periodo di tempo limitato.

Secondo Intel, il punto forte del suo compilatore è la generazione di codice maggiormente ottimizzato, in grado di essere eseguito più velocemente e aiutare quindi nel risparmio della batteria anche se il limitato numero di dispositivi con i quali è compatibile l’assembly e la supremazia schiacciante delle architetture ARM rendono quasi vana la fatica del team di sviluppo americano.

In aggiunta, non sarà possibile produrre eseguibili se non per Android 4.0 e successivi e si potrà utilizzare correttamente il nuovo software di Intel solamente su Ubuntu 10.04 o 11.04, due versioni ormai datate del famoso sistema open source.

Se riuscite a rientrare in tutti i requisiti posti per questa suite e volete cimentarvi in un po’ di codice in sano C++ (Linus Torvalds potrebbe odiarvi per questo), vi basterà registrarvi alla pagina informativa sul prodotto ed utilizzare quindi il link di download personalizzato che riceverete direttamente al vostro indirizzo di posta elettronica.

Fonte: The Register
intel