ubuntu-edge-27

Ubuntu Edge termina senza successo la sua campagna: i rimborsi arriveranno entro cinque giorni

Nicola Ligas

Non è certo un mistero che la campagna di raccolta fondi per Ubuntu Edge sarebbe finita senza raggiungere il suo obiettivo, e infatti così è stato. 12.809.906 dollari sono stati raccolti, a fronte dei 32 milioni desiderati: poco più di un terzo, per quello che comunque rimane l’esempio di crowdfunding più popolare di sempre, ma paradossalmente anche fallimentare.

Mark Shuttleworth, fondatore di Canonical, cerca comunque di vedere il bicchiere mezzo pieno, facendo appunto leva sul record raggiunto e sulle cose imparate da questa campagna (facendo suo il proverbiale “sbagliando s’impara”), e lasciando anche intendere che un giorno, chissà, potrebbe riprovarci.

D’altro canto oltre 20.000 persone hanno contribuito al progetto, da piccoli privati incuriositi, a Bloomberg LP che ha donato 80.000 dollari, e a loro vanno ovviamente tutti i ringraziamenti di Canonical, che promette a coloro che credono nella sua “visione di convergenza” che non dovranno attendere ancora molto (qualunque cosa significhi).

In ogni caso la campagna si è conclusa senza successo, e come da regolamento di Indiegogo tutti i finanziatori saranno rimborsati, quindi se ci siete anche voi tra gli altri, aspettatevi un ritorno monetario entro i prossimi cinque giorni lavorativi. Resta solo da capire cosa ne sarà del progetto Edge, ma al momento non ci sono certezze in merito: possiamo solo sperare che quel laconico “you won’t have much longer to wait” si concretizzi al più presto.

Fonte: Mark Shuttleworth