lime

Lime File Manager: un’alternativa leggera e piacevole per la gestione dei nostri file

Nicola Ligas -

I file manager su Android non mancano, ma le alternative del calibro di Lime sono sempre gradite. Quest’app si differenzia infatti dalla concorrenza per un’accattivante grafica in tema Holo, seppure con qualche variazione, particolarmente nel tipo di font, nel lettering in generale e anche nell’uso di alcune icone, ma sotto l’aspetto piacevole troviamo anche tante funzioni utili.

I più esigenti potranno sfruttare i permessi di root per manipolare qualsiasi file del sistema, ma anche l’utente comune troverà molto immediata la concezione di questo file manager, che non si perde in fronzoli e ci permette di spostarci facilmente all’interno del filesystem, grazie alle pratiche icone in alto sulla sinistra: root directory, memoria interna e segnalibri. Al loro fianco abbiamo le opzioni per creare un nuovo file/cartella, per l’ordinamento, e per la ricerca; nella barra in basso troviamo invece un accesso rapido al lettore musicale, alle impostazioni e al pulsante di uscita.

La particolarità di Lime è infatti quella di integrare editor/reader per tutto ciò di cui potremmo avere bisogno: editori di testo, visualizzatore di immagini, audio player, database browser, ed un’estrattore per archivi; con l’esclusione di un lettore video, tutto il resto è praticamente integrato all’interno dell’app.

Unica carenza, per ora, è la possibilità di interfacciarsi con le nostre cartelle nella cloud, che tra i vari Dropbox, Drive, ecc. saranno senz’altro numerose; in ogni caso si tratta di un’app con appena un paio di settimane di vita, quindi non può far altro che migliorare.

Badge per il download gratuito subito a seguire (ve l’abbiamo detto che non c’è nemmeno l’ombra di una pubblicità?) e se siete interessati a seguirne più da vicino lo sviluppo, vi lasciamo anche il thread ufficiale su XDA

Google Play Badge