asus_tablet_me102a_me372cg

Specifiche complete per ASUS FonePad HD 7 e MeMO Pad HD 10, e benchmark per MeMO Pad HD 8

Nicola Ligas

ASUS è stata finora piuttosto quieta in questo 2013, ma a quanto pare il produttore taiwanese ha in serbo diverse novità per il prossimo futuro; alcune di queste le abbiamo già viste, mentre altre ve le presentiamo adesso.

Parliamo in particolare dei tre tablet in oggetto, le cui specifiche potete leggerle anche nell’immagine di apertura: ASUS Fonepad HD 7 dovrebbe infatti essere un 7 pollici a 1280 x 800 pixel con processore Intel Atom Z2560 dual-core da 1,6 GHz (Clover Trail+) e GPU SGX544MP2, con 1 GB di RAM e memoria interna da 8 o 32 GB (facile immaginare ci sarà anche un modello da 16 GB). Due le fotocamere, da 5 e 1,2 megapixel, rispettivamente posteriore e anteriore, mentre il sistema operativo sarà Android 4.2 Jelly Bean.

Si tratta insomma di una versione lievemente potenziata dell’attuale modello dotato di Atom Z2420 e fotocamera da 3 megapixel, ma che probabilmente non si discosterà molto dal prezzo di lancio del primo tablet, essendo in fondo le novità non così radicali da implicare una ricollocazione del dispositivo.

ASUS MeMO Pad HD 10 richiama invece nel nome il MeMo Pad 10 FHD, ma in chiave assai più economica: a bordo abbiamo infatti un processore quad-core Rockchip da 1,6 GHz con GPU Mali-400 MP4, con 1 GB di RAM, 8 GB di memoria interna e due modeste fotocamere da 2 e 1,2 megapixel. Nessuna particolarità anche sul display, che sarà un canonico 10,1” a 1280 x 800 con luminosità di 350nit. Android è anche in questo caso alla versione 4.2, mentre per entrambi i tablet ci aspettiamo sia varianti Wi-Fi che 3G.

Per quanto riguarda invece ASUS MeMO Pad HD 8 (ammesso e non concesso che sia il modello ME180A) abbiamo invece i risultati di GFX Benchmark, che puntano sempre verso lo stesso SoC Rockchip modello da 10 pollici, con display da 1280 x 800 pixel e Android 4.2.2.

ASUS è insomma in procinto di aumentare la propria line-up, ma fin qui senza stupire più di tanto. Staremo comunque a vedere se ci saranno ulteriori novità.

Via: Notebook Italia