quad drawer

Quad Drawer: LevelUp Studio dà lezioni alle floating app e ai quick launcher

Nicola Ligas

Vi abbiamo già parlato di Qaud Drawer la settimana scorsa, giusto per informarvi del lancio su Android di questa nuova app, dagli stessi autori di Beautiful Widgets. Nel frattempo abbiamo avuto modo di utilizzarla a fondo, e così ora possiamo riportarvi le nostre impressioni.

Quad Drawer si usa sostanzialmente in due modi: come sostituto del proprio app drawer, sebbene questo comporti la rinuncia all’elenco dei widget, che non fanno parte di quest’app, oppure come elemento “galleggiante” su schermo, che aprirà il drawer in una finestra pop-up alla sua pressione, e che potremo far scomparire nella barra delle notifiche a comando.

Diciamolo chiaramente LevelUp Studio non ha inventato nulla di nuovo: esistono già tante sidebar per richiamare velocemente le proprie app, esistono i vari HALO o Floating Notifications per passare agilmente da un’applicazione all’altra; Quad Drawer ha però dalla sua uno stile grafico impeccabile, e una gestione dell’elemento floating semplice ma efficace: potrete infatti spostarlo ovunque sullo schermo, sia sui bordi che più centralmente, e la sua risposta sarà sempre rapida e immediata. Gli unici appunti che gli si possono fare sono un lieve ritardo tra la pressione dell’icona e l’apertura della finestra pop-up, e il fatto che l’icona stessa, essendo chiara e in trasparenza, tenda facilmente a mimetizzarsi con gli sfondi chiari, fino a diventare in alcuni casi difficilmente distinguibile (vedi screenshot a fine articolo).

Screenshot_2013-08-01-12-58-31

Quad Drawer si presenta più o meno come lo vedete qui a fianco: tema Holo (sia chiaro che scuro, a scelta), icone ordinate in file di 3 per riga (opzione non modificabile) e 4 tab a disposizione (in inglese, ma poco importa), ovvero le app più usate, in ordine alfabetico, le più recentemente aperte e le ultime scaricate.

Già questo sarà sufficiente per trovare rapidamente la maggior parte delle applicazioni che vi serviranno, ma se non bastasse, cliccando sull’icona in basso al centro, aprirete una tastiera su cui digitare direttamente i caratteri dell’app che volete. Potete scegliere tra due metodi di input diversi: la tastiera che regolarmente usate per tutte le altre app, oppure il tastierino numerico che presente nello screenshot, con funzioni predittive tipo T9, in modo da velocizzare la ricerca.

La componente floating dell’app può essere abilitata o meno, e consiste in una versione semi-trasparente dell’icona dell’app stessa, che potremo muovere dove vogliamo su schermo semplicemente trascinandola, e che rimarrà in primo piano anche durante applicazioni full screen. Un doppio tap sull’icona la farà scomparire, ma rimarrà comunque sempre presente una notifica nell’apposita barra (ma senza icona nella barra di stato a segnalarne la presenza), cliccando sulla quale potremo far apparire o scomparire l’icona fluttuante a piacimento. Alla pressione su quest’ultima, una finestra pop-up con le stesse funzioni dell’app (tranne i tab multipli) si aprirà in sovraimpressione, mostrandoci prima le app più usate, e con la possibilità di far comparire il tastierino numerico, sempre cliccando sull’icona di ricerca.

Quad Drawer è insomma un’alternativa che combina vari elementi già visti, in qualcosa di nuovo, e che si sposa perfettamente con i moderni dettami della grafica su Android, rendendosi una più efficace alternativa al drawer predefinito (particolarmente con un launcher di terze parti, che lascia ad esempio inserire widget con una pressione prolungata sulla home), oppure un modo per lanciare app senza uscire da quella attualmente in esecuzione, anche se in full screen.

La qualità dei LeveUp Studio ha sempre il suo prezzo, che però in questo caso è assai contenuto: 90 centesimi e l’app sarà vostra cliccando sul badge sottostante. Dopo lo stacco troverete invece video e screenshot in abbondanza.

Google Play Badge

video