Mini Mix

Mini Mix Mayhem: giochiamo a quattro giochi contemporaneamente [Recensione]

Giorgio Palmieri -

Mini-Mix-MayhemEsistono giochi semplici, difficili, simpatici, divertenti e poi ci sono quelli pazzi. Come Mini Mix Mayhem, ad esempio. Sviluppato da Chris Burt-Brown, il gioco esordisce con questa frase “Perché giocare ad un solo gioco quando è possibile giocarne quattro contemporaneamente?”. La risposta più consona e un po’ sarcastica a questa domanda sarebbe “perché non si può?”. E invece no, con Mini Mix Mahyem non solo è possibile farlo ma costringerete i vostri amici e parenti a fare una partita. Piccola raccomandazione prima di iniziare con la recensione: questa sarà un po’ diversa dalle altre, infatti non saranno presenti i voti alla fine di ogni paragrafo, il perché lo troverete a fine articolo.

Giocabilità

Avviata la partita, ci buttiamo nel tutorial di Mini Mix Mayhem che, forse, è uno dei più ingannevoli di sempre. Lo schermo si divide in quattro parti, e nella parte superiore appare un minigioco che ci ricorda molto Galaga. “Ciao! Tocca per sparare” – nulla di più semplice. Dopo aver eliminato tutti i nemici, il minigioco si chiude e ne compare un altro: con un ufo dobbiamo eliminare gli alieni nemici, questa volta tramite swipe per sparare un raggio. Che fesseria, no? Già, è molto semplice. Completiamo anche questo minigioco ed ecco spuntarne un altro: tramite tilt del dispositivo dobbiamo versare il contenuto di una pozione in un contenitore. Semplice anche questo, nulla di particolare. Il tutorial va avanti ancora per un po’ con altri minigiochi-esempio sempre sullo stile dei precedenti, tutti molto immediati e intuitivi, fino a quando sullo schermo appare “Tutorial completato” seguito dalla scritta “Modalità Challenge”. E qui cominciano i problemi. In senso buono, ovviamente.

Più difficile a farsi che a dirsi

Avete presente la divisione dello schermo in quattro parti? Ecco, tutti i giochi del tutorial più altri 30 verranno mischiati casualmente in ogni parte del touchscreen e il nostro scopo sarà quello di completarli entro un tempo limite che si aggira intorno ai dieci secondi, altrimenti perderemo una vita (dieci in tutto). Se non vi fosse ancora chiaro, dovremo giocare a quattro giochi contemporaneamente. Più difficile a farsi che a dirsi, sicuramente. La partita inizia lentamente ma il ritmo tende ad accelerarsi col passare dei secondi rendendo così i semplici minigiochi in concentrati di stress. Pensate un po’ al gioco del Twister poiché, in un certo senso, Mini Mix Mayhem è molto simile. Con un dito cercherete di fare dei palleggi, con l’altro scoppierete palloncini e razzi, il tutto mentre scuoterete il dispositivo per cercare di affondare un castello. Tutto ciò lo faremo fintanto che il nostro cervello o le nostre dita non impazziranno, oppure per colpa dell’impossibilità di poter risolvere alcune situazioni per il troppo caos a schermo. Insomma, lo ribadiamo ancora una volta: Mini Mix Mayhem è un titolo fuori di testa.

Contenuti

s1

Oltre alla modalità singolo giocatore, è presente la co-op per due giocatori e la modalità party. La modalità co-op è praticamente identica a quella in single player con la sola differenza che due dei quattro riquadri per i minigiochi saranno ribaltati per permettere al nostro compagno di giocare dall’altra estremità del dispositivo. Questa modalità è ancora più fuori di testa di quella in singolo, provare per credere. E se quattro giochi contemporaneamente non vi bastassero, c’è sempre la modalità party con 22 giochi circa a schermo (c’è bisogno di un tablet di 10 pollici per giocare a questa modalità). Purtroppo c’è una mancanza che ci ha fatto storcere un po’ il naso: l’assenza dell’implementazione con i social network. Non potrete condividere i risultati con i vostri amici e non c’è nemmo una classifica online, un vero peccato.

Comparto Audiovisivo

I minigiochi presenti sono 36.

I nostalgici lo adoreranno, in tutto e per tutto. Non solo la sfida rimembra quella offerta dai titoli di una volta, ma il comparto audiovisivo richiama le pietre miliari che hanno contribuito allo sviluppo del gaming come lo conosciamo oggi. Si tratta di semplici e pochi pixel colorati messi insieme che prendono ispirazione dai classici di un tempo, quali Galaga e Super Mario. Ai retro gamer piacerà, agli altri forse un po’ meno.

Prezzo

In un periodo videoludico in cui gli sviluppatori perdono più tempo ad inserire e bilanciare gli acquisti in-app che a sviluppare (e a ottimizzare) il gioco stesso, c’è gente che taglia corto e non introduce nessun escamotage per spillare ulteriori soldi dai portafogli dei gamer. E, cosa ancor più incredibile, rende il lavoro da loro svolto completamente gratuito. Questo è il caso di Mini Mix Mayhem, infatti potrete scaricare il gioco dal Play Store gratuitamente, senza pubblicità né acquisti in-app.

Giudizio Finale

Mini Mix Mayhem è uno di quei titoli che si colloca nel filone dei giochi da provare almeno una volta nella carriera videoludica di ogni gamer. È un esperimento che prende ispirazione da alti titoli (tra cui WarioWare) e lo ripropone in una nuova veste che funziona, ed è geniale. Non c’è una valutazione finale perché non è possibile valutarlo con i canonici numeri, è semplicemente una piccola perla nel panorama videoludico mobile che noi consigliamo a prescindere, anche solo per una piccola partita: peccato per l’assenza di una classifica online e dell’implementazione con i social network. A parte questo, difficilmente non lo amerete (o odierete?). Prima di chiudere, vi lasciamo con una sfida: riuscirete a sopravvivere per più di otto minuti?

Download

Google Play Badge

Trailer

Screenshot

Recensionevideo