watch_banner

GEAK Watch e GEAK Ring: un orologio con Android 4.1, e un anello con NFC

Nicola Ligas

A meno che non siate profondi conoscitori del cinese, l’immagine qui sopra dovrebbe avervi lasciati un minimo perplessi, quindi permetteteci di illustrarvi di cosa stiamo parlando.

GEAK è una piccola azienda di Shangai, appartenente alla più grande Shanda, e ve ne parliamo perché è autrice dell’omonimo GEAK Watch. Questo orologio, che si vanta di essere il “primo vero smartwatch“, ha in effetti caratteristiche superiori alla media dei (pochi) prodotti simili che abbiamo visto finora.

Basato su un processore MIPS a 1 GHz (Ingenic JZ4774), accoppiato a 512 MB di RAM e ben 4 GB di storage, GEAK Watch ha un display multi-touch da 1,55 pollici a risoluzione 240 x 240 pixel (ebbene sì, multi touch), così ben saldato col resto del dispositivo da garantirgli la certificazione IPX3 di resistenza all’acqua.

Inoltre è dotato di una lunga serie di sensori, che gli consentono di monitorare il nostro battito cardiaco, la pressione sanguigna, la temperatura corporea, lo stato del nostro sonno, e di fare anche da contapassi.

E questo è solo l’inizio, perché oltre al classico Bluetooth (comunque alla versione 4.0) troviamo anche NFC, GPS, radio FM (con jack audio) e soprattutto Wi-Fi b/g/n, il che consente allo smartwatch di connettersi autonomamente ad internet, aggiornarsi e scaricare applicazioni senza accoppiarsi col relativo telefono. È inoltre possibile creare una rete ad-hoc tra due simili dispositivi, e scambiarsi messaggi diretti, grazie al riconoscimento vocale.

Come se non bastasse, il dispositivo è anche piuttosto sottile (8 mm), ma dotato di una batteria da soli 500 mAh; questo è però il suo unico punto debole, perché anche il prezzo è tutto sommato contenuto: 1.999 yuan, ovvero circa 245€, con pre-ordini che partiranno in Cina il 3 luglio prossimo. Troppo bello per essere vero? Senz’altro sì, perché sono caratteristiche più da smartphone di fascia bassa che da smartwatch, almeno per come li abbiamo visti finora. Lo scopriremo comunque solo tra qualche settimana, ma difficilmente pensiamo ad un lancio internazionale.

A margine segnaliamo anche un altro curioso accessorio sempre a marchio GEAK, che come avrete già capito è un anello con NFC, chiamato GEAK Ring (vedi immagine qui sotto). A cosa serve? A sbloccare il nostro telefono senza dover inserire alcuna password/codice, e per di più lo terrà acceso fintanto che lo stringeremo in mano; inoltre pare che sia in grado di memorizzare anche informazioni sui nostri contatti, in modo da poterle condividere con altri dispositivi. Peccato solo che sia compatibile con i modelli dell’azienda stessa, ma verso novembre dovrebbe arrivare anche il supporto a Xiaomi, Oppo, Samsung e altri.

I pre-ordini in questo caso partiranno l’8 agosto ad un prezzo di appena 199 yuan, ovvero 25€, ma non sappiamo se un giorno o l’altro potremo accoppiarlo con il Google Ring (anche perché quest’ultimo è ormai desaparecido).

ring_feature_img1

Via: ViaFonte: Fonte