unnamed

Un bug nel gestore della pagine Facebook per Android può portare alla pubblicazione di immagini indesiderate

Nicola Ligas

È stato scoperto un bug nel Gestore delle Pagine di Facebook su Android, l’omonima app pubblicata dal celebre social network lo scorso gennaio. Si tratta di una cosa un po’ particolare ma che potrebbe causare non pochi problemi, a seconda dei dati pubblicati, ma a quanto pare, “per fortuna”, presente solo nell’applicazione per Android, e non sulla medesima interfaccia via web.

Il fatto è questo: se il gestore di una pagina risponde ad un qualsiasi messaggio privato tramite l’app, ed allega a tale messaggio anche un’immagine, quella stessa immagine verrà automaticamente pubblicata sulla bacheca della pagina, visibile da chiunque (il testo del messaggio non comparirà invece sulla pagina). Capirete benissimo come nel caso di un’immagine di poco conto la cosa possa non avere ripercussioni, ma a seconda del tema trattato la questione si complica di conseguenza.

È quello che è successo ad esempio a Joann, che ha risposto al messaggio di un cliente tramite la sua app per Android allegando uno screen di PayPal per dimostrare che un pagamento era avvenuto correttamente, e che si è vista l’immagine pubblicata in bella vista sulla bacheca della propria pagina, esponendo così nome, indirizzo e transazione del malcapitato cliente.

Non abbiamo idea se questo bug sia stato introdotto solo con l’ultimo aggiornamento di una decina di giorni fa, o se fosse presente da più tempo, ma in ogni caso è bene che, in attesa di un fix, chiunque usi l’app per Android per rispondere ai messaggi privati ne sia a conoscenza, quantomeno per evitare che alleghi immagini indesiderate. Non sono stato personalmente in grado di riprodurre il bug in questione, non avendo né Facebook né ovviamente una pagina su di esso, ma la cosa è stata verificata dai colleghi di AndroidPolice (link alla fonte) e chiunque fosse in possesso di una propria pagina potrà benissimo provare a farsi inviare un messaggio e a rispondervi allegando un’immagine di poco conto per testarlo personalmente. Utente avvisato, mezzo salvato.

Fonte: Fonte