DashClock sfrutta un nuovo sistema di beta testing del Play Store

Nicola Ligas

dashclock

Roman Nurik, sviluppatore di Dash Clock, ha reso pubblico un nuovo sistema per diventare beta tester della sua app, che in futuro potremmo vedere sfruttato sempre più spesso dal Play Store. Non è infatti necessario pubblicare una nuova applicazione, come fatto ad esempio stamani da Tapatalk, ma è sufficiente registrarsi su un’apposita pagina, tramite la quale attiveremo automaticamente il download di versioni beta, se presenti, direttamente dalla pagina sul Play Store dell’app stessa. In qualsiasi momento potremo poi revocare il nostro status di beta tester, e tornare ad utilizzare l’app regolare.

Nel caso specifico di DashClock, come ci spiega Nurik, è necessario aderire anche alla community su Google+ dedicata all’app stessa, dopo di che dovremo visitare questa pagina e autenticarci col nostro account Google; infine sarà sufficiente dirigersi sul Play Store e scaricare nuovamente l’app per aggiornarla all’ultima beta disponibile.

Si tratta di un sistema efficace sia per lo sviluppatore, che non deve pubblicare app diverse, che per l’utente, che potrà tranquillamente gestire i vari beta testing a cui partecipare e avrà comunque tutta l’affidabilità del Play Store, senza dover ricorrere, come a volte capita, a download da terze parti. Ci auguriamo quindi che in futuro questo sistema diventi la prassi per tutte quelle app che sono solite far provare le loro future nuove versioni agli utenti.

Fonte: Fonte