grudger6

Grudger: consegne rapide per un cliente speciale [Recensione]

Giorgio Palmieri

Moltissimi gamer di tutto il mondo esulterebbero se, negli studi di Nintendo, ci fosse in lavorazione un episodio di Super Mario studiato appositamente per dispositivi touchscreen, ma sappiamo che questo difficilmente si realizzerà, la casa giapponese ha ben altre importanze. Noi non perdiamo le speranze e, nel frattempo, ci buttiamo nei meandri del Play Store in cerca di titoli che possano soddisfare la nostra fame di platform.

Il titolo di oggi ve lo avevamo già presentato durante il periodo promozionale di “App del Giorno”: stiamo parlando di Grudger, platform running di Noble Muffins. Senza perderci in chiacchiere, vediamo subito se questo gioco merita una vostra prova.

Tre lingotti per te

grudger1

In Grudger vestiremo i panni di un omino-testa-d’uovo con tanto di occhiali da avviatore (o forse da talpa?) per proteggersi dal vento incombente e lo scopo del gioco sarà quello di raggiungere il cliente e raccogliere le barre di alluminio per poi consegnarle al suddetto. Il sistema di controllo è quello di sempre: swipe verso l’altro per un salto (o un doppio salto), swipe in basso per la capriola e, in aggiunta alla solita formula, con uno swipe a sinistra o a destra cambieremo direzione. Quest’ultimo elemento rende Grudger più simile ad un platform piuttosto che ad un running game. Il mondo di gioco è in salsa Steampunk, quindi aspettatevi elementi quali torri dell’orologio in stile Ottocento e tubi industriali conditi con una piccola spruzzata di fantasy. Purtroppo sia il protagonista che il resto dell’universo di gioco non riesce ad avere una propria personalità, poiché il tutto risulta debole e poco curato.

grudger2

Vediamo, dunque, l’aspetto meramente ludico della produzione Noble Muffins. I livelli, 45 in tutto, presentano una difficoltà calibrata discretamente, anche se dobbiamo ammettere che, la maggior parte delle volte che siamo morti, è stata per colpa dei problemi nel sistema di controllo. Si sente la mancanza di un pulsante di “stop” a-la-Manuganu e la meccanica dell’autorun ci è sembrata eccessivamente forzata all’interno del contesto di gioco: calibrare un salto si è rivelata un’operazione tutt’altro che semplice, a causa dei problemi nelle collisioni e nella noiosità dell’avanti/indietro continuo del nostro personaggio. Anche il level design non sorprende e presenta stage blandi caratterizzati da una piccola componente esplorativa ma che, per colpa dei problemi di collision detection, eviterete di usufruire per scampare alla morte.

Steamp-un-korno

grudger3

Graficamente il titolo soffre di alti e bassi. La fluidità generale è buona, ma lo stile adottato non riesce a trasmettere un carattere, una personalità. Anche gli elementi Steampunk sono ridotti all’osso e ci sarebbe piaciuto vedere qualche oggetto tecnologico da utilizzare durante l’avventura, magari in qualche sezione particolare del gioco. Nulla da fare, il gioco introduce pochissimi elementi con cui interagire e presenta una giocabilità striminzita che lascia il tempo che trova. Nei 45 livelli di gioco non troverete mai fattori che vi faranno gridare al miracolo, il tutto sa di già visto, anche la modalità endless sbloccabile dopo aver raccolto un certo numero di barre di alluminio non brilla di originalità e presenta sezioni piuttosto ripetitive. Ad aggiungersi a tutto ciò è il comparto sonoro mediocre, caratterizzato da musiche anonime ed effetti nella media dei giochi portatili.

Conclusioni

Grudger è un titolo che non riesce a sorprendere in tutta la sua durata. Il suo tratto distintivo, ossia la possibilità di cambiare direzione durante la corsa, si è rivelata un’arma a doppio taglio, in quanto la meccanica dell’auto run non è gestita al meglio nella formula di gioco. Il titolo è caratterizzato da un livello di sfida discreto, soprattutto se vi impegnerete nella raccolta di tute le barre d’alluminio presenti nei livelli ma probabilmente sarà il sistema di controllo a fermare la vostra impresa. Inoltre, il prodotto è venduto a 1,56€, un prezzo contenuto considerata l’assenza degli acquisti in-app, ma ci sono dei titoli dello stesso genere completamente gratuiti e che, soprattutto, sono molto più divertenti.

Sfida: Level design debole e poco sviluppato, ma il gioco offre un livello di sfida discreto nella raccolta delle barre di alluminio
6.5/10
Giocabilità: Nulla di nuovo all’orizzonte: la meccanica del cambio di direzione risulta interessante ma piena di incertezze nel design. Semplice e immediato, ma alla lunga ripetitivo
5.5/10
Grafica:  Graficamente descreto, modellazione poligonale sufficiente. Privo di personalità marcata.
6.5/10 (Samsung Galaxy Nexus)
Sonoro: Comparto musiche anonimo ed effetti sonori nella media. Nel complesso, mediocre.
5/10
Longevità: 45 livelli e una modalità endless. L’avventura è piuttosto breve e (in alcuni stage) noiosa.
6/10
Prezzo: 1,56€ senza acquisti in-app. C’è di meglio in giro dello stesso genere a costo 0.
7/10

Voto complessivo: 5.5/10

Google Play Badge

Recensionevideo