Vivo Xplay (10)

Vivo Xplay: un 5,7” full HD con chip audio dedicato e un’interessante modalità per l’uso con una mano sola

Nicola Ligas -

Nonostante difficilmente lo vedremo in commercio in Italia, questo Vivo Xplay ha attirato il nostro sguardo per più di un motivo, come se già non bastassero le caratteristiche tecniche di alto livello a farci girare la testa. Iniziamo quindi da queste, avvertendovi anticipatamente che sono in definitiva la cosa “meno interessante”.

  • Display: 5,7 pollici LTPS full HD (500 nit di luminosità)
  • CPU: Qualcomm Snapdragon 600 a 1,7 GHz
  • RAM: 2 GB
  • Memoria interna: 16 / 32 GB
  • Fotocamera posteriore: 13 megapixel a marchio Sony
  • Fotocamera anteriore: 5 megapixel
  • Batteria: 3.400 mAh
  • Spessore: 7,99 mm
  • OS: Android 4.2

Dicevamo dell’audio dedicato. Oltre a questo troviamo anche un amplificatore operazionale Texas Instruments OPA2604, tanto per dare quel tocco in più al DAC della Cirrus Logic CS4398 e al convertitore stereo asincrono CS8422. Sigle e numeri che vorranno dire poco ai più, ma che testimoniano il passo ulteriore di Vivo, rispetto alla concorrenza, in materia di audio. Ma c’è ancora dell’altro.

Dicevamo anche dell’utilizzo con una sola mano. Tra le personalizzazioni software è infatti presente la modalità “Free Touch“, attivabile scuotendo il telefono un paio di volte. In questo modo comparirà nell’angolo in basso a destra (o anche a sinistra, a seconda delle preferenze) un’immagine rimpicciolita della schermata attuale, con la quale potremo interagire usando il solo pollice. Potremo quindi lanciare applicazioni o scorrere pagine e il cambiamento si ripercuoterà sull’intera interfaccia, inoltre, per rendere la cosa ancor più personalizzabile, la dimensione di questa “finestra” sarà regolabile dall’utente (entro certi limiti). In pratica sarà una cosa così:

vivo-xplay-single-hand

Dulcis in fundo, Vivo ha introdotto anche diverse gesture touch-less, per rendere l’utilizzo del suo grande phablet ancor più semplice: scuotendo la mano di fronte allo schermo gireremo pagina, mentre appoggiandovela sopra possiamo far tacere lo squillo di una chiamata in arrivo, ed è presente anche qualcosa di simile al floating touch per interagire con icone e altro. Tanto per non farsi mancare proprio nulla, Vivo ha introdotto anche il supporto nativo al trasferimento di file più grandi di 4 GB.

Veniamo infine al dettaglio del prezzo: la versione da 16 GB, disponibile in bianco o nero, è pre-ordinabile per 2.998 yuan (373€) ed è da notare che la confezione include anche alcuni tag NFC, un cavo USB OTG, un proteggi schermo e dei buoni auricolari. Non si hanno invece ancora notizie per il modello da 32 GB, ma in compenso ci sono video e immagini che vi aspettano dopo il salto. Plauso personale a Vivo, che dimostra un’attenzione al dettaglio che ti aspetteresti da produttori di più grande spessore (che magari neanche ce l’hanno) e che cerca di fare qualcosa per il “problema” dimensioni, che ci costringe sempre più spesso ad usare entrambe le mani per operare con smartphone ormai “in odore di tablet”.

Fonte: Fonte
videovivo