motorracing

Mini Motor Racing: nel settore automobilistico le dimensioni non contano [Recensione]

Giorgio Palmieri -

Questo 2013 si è aperto con un titolo dal forte impatto nel mondo videoludico sui dispositivi mobile e tablet per quanto riguarda il genere dei racing game. Il gioco in questione è Real Racing 3 che, seppur con grossi difetti, ha saputo dimostrare quanto il gaming su Android possa espandersi e raggiungere vette molto alte sia in termini grafici, che nella offerta ludica stessa.

Dopo aver recensito giochi d’azione, puzzle game e avventure, il titolo di oggi è dedicato agli amanti dei giochi di corse. Nulla a che vedere con i bolidi presenti su Real Racing o Need for Speed, ma un titolo di tutto rispetto: stiamo parlando di Mini Motor Racing. Sviluppato da The Binary Mill, il gioco è essenzialmente un racing game stile arcade con visuale dall’alto. Riuscirà a stupire? Scopriamolo insieme.

Sfrecciare in pista

mini1

Mini Motor Racing ci propone tre modalità di gioco: la carriera, la gara veloce e il multigiocatore. Nella modalità carriera potremo gareggiare con l’auto scelta tra quelle disponibili (4 all’inizio, le altre 16 sbloccabili) attraverso tre campionati, di cui due disponibili già da subito (original e bonus) e uno sbloccabile tramite la valuta di gioco (extended). Le gare si svolgono con una visuale dall’alto e il sistema di controllo si basa su un volante virtuale sul touch screen e un pulsante per il nitro. In base a come direzioneremo il volante virtuale, la nostra auto reagirà di conseguenza:  ad esempio, se faremo dei movimenti bruschi, la nostra auto farà una frenata facendoci perdere velocità. Ogni curva deve essere accompagnata da un movimento rotatorio leggero e preciso, onde evitare sorpassi o, ancora peggio, dei fuori pista. È possibile anche personalizzare il sistema di controllo, inserendo i semplici pulsanti touch destra/sinistra e tanti altri modelli per qualsiasi esigenza, ma quello predefinito ci è sembrato il migliore.

mini2

La fisica che muove il titolo è abbastanza curata e da un tocco di realismo e di consistenza alle auto, ma purtroppo non è esente da difetti. Unito alle collisioni realizzate un po’ grossolanamente, il motore fisico può portare ad inconvenienti non voluti: utilizzare il nitro potrebbe far incastrare la vettura in barriere invisibili poste in alcune sezioni delle piste o, ancora, speronare le auto avversarie si è dimostrato essere qualcosa di controproducente, in quanto il sistema di collisioni non è molto preciso e rischieremo solo di perdere velocità. Nelle gare più difficili, inoltre, l’intelligenza artificiale dei nemici si farà più aggressiva e cercheranno di ostacolarci tramite fastidiosi speronamenti che dovranno essere prontamente evitati onde evitare il restart della gara.

Viva la varietà

mini5

Riallacciandoci al discorso delle modalità, la carriera è, dunque, la modalità principale di Mini Motor Racing. Completando le gare otterremo del denaro utile a sbloccare nuove auto e per potenziarle. Il costo per acquistare questi upgrade è molto elevato, ma durante le corse potremo trovare delle banconote da raccogliere per aumentare gli introiti di fine gara. La longevità è decisamente elevata, poiché la carriera è coadiuvata da più di 300 eventi e per completarli tutti ci vorranno davvero molte ore. Per quanto riguarda le altre modalità di gioco, la gara veloce non è altro che una semplice modalità dove potremo selezionare l’auto che più ci piace (già potenziate al massimo) e il circuito (38 piste, incluse le versioni giorno e notte). La modalità multigiocatore permette una personalizzazione ancora più ampia della gara veloce, infatti potremo addirittura scegliere le statistiche dell’auto selezionata, ma purtroppo non è stato possibile testarla in quanto, durante il nostro periodo di prova, il matchmaking non è riuscito a cercare avversari.

mini4

Il comparto grafico è molto curato. Le piste sono ricche di dettagli e, soprattutto, molto varie: isole, piste cittadine, deserti, boschi, paesaggi innevati e persino delle corse a tema Fruit Ninja! Ogni percorso è realizzato magistralmente, con texture pulite e ben definite e ognuno di esso è caratterizzato dalla possibilità di giocarlo sia di giorno, che di notte. Anche le auto sono realizzate molto bene, con proporzioni volutamente sbagliate per dare un tocco di personalità al prodotto. Inoltre, è possibile modificare il colore delle varie automobili con pattern particolari molto accattivanti, un’aggiunta piccola ma gradita. Il prodotto di The Binary Mill è ben confezionato e garantisce una delle rese grafiche più pulite nel genere dei racing game con visuale dall’alto. Il costo per portarsi a casa Mini Motor Racing è di soli 0,79 €, corredato dai consueti acquisti in-app non particolarmente invasivi.

Conclusione

Mini Motor Racing è un ottimo titolo, strapieno di contenuti. Il divertimento è assicurato grazie alla notevole quantità di piste e di auto disponibili, purtroppo però alcuni piccoli (ma fastidiosi) difetti minano l’esperienza generale, ma si tratta di elementi di poco peso che non intaccano particolarmente nella formula di gioco. Considerando poi il prezzo decisamente invitante, il prodotto di The Binary Mill non dovrebbe mancare nella vostra collezione virtuale, che siate o meno amanti di questo genere di gioco.

Modello di guida: Dal sapore arcade ma dal motore fisico che riesce a dare un forse senso di consistenza al titolo. Ottimo e adatto ai dispositivi touchscreen.
9/10
Giocabilità:  Qualche fastidioso problema di collisioni, ma nel complesso notevole e parecchio divertente.
8/10
Grafica:  Fantastica resa grafica, coadiuvata da una buona pulizia delle texture. Enorme quantità di piste, tutte realizzate egregiamente. (Samsung Galaxy Nexus)
9/10
Sonoro: Buoni gli effetti sonori, nella media le musiche.
7.5/10
Longevità: 300 eventi nella carriera, 20 auto diverse e 38 piste (giorno e notte incluse) garantiscono tante ore di divertimento.
9.5/10
Prezzo: Solo 0,79€ per portarsi a casa un prodotto di tutto rispetto. Presenti gli acquisti in-app.
9/10

Voto complessivo : 8.5/10

Google Play Badge

Recensionevideo