butterfly

Scovati alcuni indizi riconducibili al successore dell’HTC Butterfly

Nicola Ligas

Forse non tutti i lettori lo ricorderanno, ma in origine l’HTC Butterfly era chiamato DLX, ed è per questo motivo che quando il nome in codice DLXPLUS è stato trovato all’interno di una recente OTA di test per il Butterfly, in molti hanno subito pensato al suo fantomatico successore. Sembra addirittura che ci siano tre varianti differenti di questo modello, corrispondenti ad altrettante varianti per regioni diverse. Ad esempio DLXPLUS_WL (DLXP_WL) potrebbe essere la versione USA per l’operatore Verizon, mentre DLXPLUS_UL (DLXP_UL) dovrebbe essere la versione LTE, e infine abbiamo anche DLXPLUS_U (DLXP_U), ovvero la versione CDMA / WCDMA dello smartphone.

Al di là delle differenti radio, il SoC sembra essere sempre lo stesso Snapdragon 600 che ormai anima qualsiasi top di gamma Android del creato. Al di là di questo comunque, l’unica cosa che ci auguriamo, ammesso e non concesso che poi queste ipotesi si rivelino esatte, è che il successore del Butterfly sia “un po’ più globale” del suo predecessore, che da noi non è mai arrivato ufficialmente, nonostante all’inizio ci avesse fatto un po’ illudere.

Via: ViaFonte: Fonte