App Annie: ricavi in crescita del 90% nel Q1 2013 sul Play Store ma Apple vende ancora di più

Nicola Ligas

app_annie_q1_2013

Se il divario come numero di applicazioni non è poi così incisivo tra Google Play ed Apple Store, altrettanto non si può dire per gli introiti generati dai due negozi virtuali, che vedono quello di iPhone e soci saldamente al comando. Stando all’ultimo report in merito di App Annie però, il Play Store cerca quantomeno di recuperare, e il grafico qui sopra sulla destra lo testimonia. A guidare la rincorsa ci sono, in ordine, Giappone, Corea del Sud, Stati Uniti, Inghilterra e Germania; i primi tre in particolare da soli coprono il 70% degli introiti del Play Store a livello mondiale, tanto per farvi capire anche come mai siano più valorizzati di altri (anche se in effetti è un po’ un cane che si morde la coda, dato che più contenuti hai, e più la gente ne acquisterà).

Riguardo la tipologia di applicazioni più remunerative, neanche a dirlo, i giochi la fanno da padrone, e la tendenza non sembra volersi arrestare: nel solo Q1 2013 la categoria è cresciuta di circa l’80% in quanto a introiti, e più o meno la stessa cosa vale per iOS.

Per quanto riguarda il numero grezzo di app vendute, l’Apple Store continua a rimanere in testa, ma la differenza si assottiglia sempre più e con il crescere del numero di dispositivi Android e del Play Store, e la “pulizia” di quest’ultimo, ci immaginiamo che presto possa arrivare anche il sorpasso.

Fonte: Fonte
app annie