EPOCH 1

Epoch: l’intera specie umana è in grave pericolo [Recensione]

Giorgio Palmieri -

L’ultima volta che abbiamo recensito un titolo ambientato in un mondo post-apocalittico non andò molto bene. Per fortuna, con il titolo di oggi, riusciamo a dare un po’ di speranza ad una delle ambientazioni più affascinanti nel mondo dell’intrattenimento videoludico e cinematografico.

Il gioco in questione è Epoch, uno sparatutto su binari basato sul sistema di coperture dalle meccaniche studiate apposta per essere usufruite su disposivi touch. Vediamo insieme se il lavoro di Uppercut Games è da premiare o se ci troviamo davanti all’ennesimo titolo “tutto fumo e niente arrosto”.

C'è speranza per l'umanità?

epoch1

L’incipit di gioco risulta particolarmente accattivante: risvegliatosi tra le macerie di un mondo ormai in rovina, il nostro robot avrà il compito di portare in salvo una persona, costi quel che costi, sconfiggendo qualsiasi cosa si metta davanti. Purtroppo la trama finisce qui, poiché durante il gioco non ci saranno cut-scene dense di dialoghi, bensì solo documenti acquisiti a fine livello che ci sveleranno il “perché” si sia giunti alla ribellione dei robot contro gli umani e alla conseguente prossima estinzione dell’intera specie. Un vero peccato, data la buona potenzialità dell’ambientazione e dell’incipt della trama, ma d’altronde non ci aspettavamo certo una storia ben curata da un titolo pensato principalmente per essere usufruito per brevi sessioni di gioco.

epoch5

L’idea di Uppercut Gamer era quella di creare un prodotto coadiuvato da un sistema di controllo che sfruttasse al meglio il touchscreen, un’idea che è stata trasportata in pratica con dei risultati piuttosto positivi. Saremo ai comandi di un robot e dovremo sconfiggere i nemici per proseguire nel livello. Il gioco è essenzialmente uno sparatutto su binari cover-based, infatti non potremo muoverci liberamente nell’ambiente di gioco, ma solo spostarci di copertura in copertura attraverso swipe su touchscreen. Per sparare basterà selezionare un bersaglio ed uscire allo scoperto per permettere al robot di sparare e quest’ultima operazione sarà del tutto automatizzata. Tutti i livelli sono composti da circa tre fasi e ognuna di queste sarà cosparsa di nemici dai pattern di attacco differenti: ci saranno avversari che lanceranno granate, altri invece armati di laser distruttivi, praticamente ogni mostro avrà una sua particolarità ed un suo punto debole da sfruttare per evitare danni ingenti alla nostra corazza. Inoltre, potremo sconfiggere i nemici tramite diversi tipi di granate e missili, potenziabili nel consueto shop e, ancora, il gioco ci permette di selezionare una abilità speciale da utilizzare per aiutarci durante le frenetiche sparatorie.

Spara, ammazza e vai avanti

epoch7

La varietà non è certo il punto forte di Epoch. Lungo i 10 livelli di gioco l’azione scorrerà – si – fluida ma senza particolari sconvolgimenti nella meccanica di gioco, riducendo il tutto in uno “spara e vai avanti” che potrebbe portare noia dopo poco tempo. Una volta completata, è possibile rigiocare l’avventura a livelli di difficoltà più alti, con mostri più forti e, soprattutto, più numerosi. Simpatica la modalità Arena, disponibile in 3 “varianti” e si presenta come una tipica modalità endless, con tanto di missioni alla Temple Run da completare per ottenere monete da spendere in potenziamenti. A tenere alto l’interesse ci pensa il sistema di upgrade che permette al giocatore una buona personalizzazione del proprio alter-ego: il robot potrà essere potenziato attraverso l’acquisto di nuove tipologie di granate, missili, armature, abilità e, ovviamente, nuove armi. I potenziamenti delle armature, delle granate e dei missili presentano dei piccoli cambiamenti negli effetti e nell’aumento dei danni, mentre ogni arma avrà una certa precisione e cadenza di fuoco, fattori che modificheranno (anche se di poco) il vostro approccio alle varie sparatorie. Anche la presenza delle abilità personalizzerà l’esperienza di gioco, grazie alla possibilità di rallentare il tempo, di accelerare i movimenti o di riparare la corazza.

epoch2

Il comparto tecnico di Epoch è fenomenale: la modellazione poligonale gode di una realizzazione molto curata, sia per quanto riguarda le ambientazioni, che i robot. Le texture sono pulite e ben definite, non abbiamo notato sbavature durante la nostra prova. Il tutto gira ad una fluidità impressionante, grazie alla potenza dell’Unreal Engine. Per quanto riguarda il comparto sonoro siamo su livelli poco più che sufficienti, con musiche nella media e effetti sonori alla lunga ripetitivi (il rumore del timer delle granate è molto fastidioso). Davvero invitante il prezzo: notizia di pochi giorni fa, il gioco è stato scontato alla modica cifra di 0,80€, non sappiamo se il prezzo rimarrà questo o tornerà al costo di 3,93€. Da segnalare la presenza degli acquisti in-app  non particolarmente invadenti, anche se alcuni potenziamenti hanno un costo davvero esorbitante.

Conclusione

Epoch è un titolo molto valido. L’azione di gioco è sempre piena di adrenalina e il sistema di controllo riesce a divertire parecchio, almeno fino a quando la ripetitività dei livelli inizierà a sentirsi. Questo titolo di debutto di Uppercut Games è un prodotto studiato apposta per i dispositivi touch (a differenza di tanti altri titoli su Android) e va premiato: ci piacerebbe vedere in futuro un gioco del genere ampliato e potenziato a dovere, perché il concept potrebbe diventare uno standard per gli shooter su dispositivi touch. Il gioco è consigliato a tutti anche se dopo poco potrebbe portare un po’ di noia, ma il prezzo invitante (0,80€) unito alla formula di gioco ben riuscita rendono Epoch un titolo davvero interessante.

Adrenalina: La notevole fluidità dell’azione non vi lascerà mai un momento di tranquillità. Dovrete agire in fretta per evitare i colpi degli avversari.
8/10
Giocabilità:  Ottimo sistema di controllo, pensato, studiato e ottimizzato a dovere per dispositivi touch. Purtroppo la ripetitività dell’azione diminuisce il divertimento complessivo.
8/10
Grafica:  Texture in alta definizione, modellazione poligonale di ambienti e robot ottima. Le ambientazioni si somigliano un po’ troppo tra di loro ma, nel complesso, il comparto tecnico è molto curato.
9/10
Sonoro: Comparto sonoro discreto, ma alcuni suoni sono fastidiosi.
6.5/10
Longevità: Completerete i 10 livelli in circa un’oretta di gioco, ma è possibile rigiocare l’avventura grazie alle difficoltà più elevate. Presente una modalità arena composta di 3 mappe. Potrebbe annoiarvi dopo l’ennesima sparatoria.
7.5/10
Prezzo: 0,80€ è un ottimo prezzo per un titolo di questo calibro. Presenti gli acquisti in-app.
9/10

Voto complessivo : 8/10

Google Play Badge

 

 

Recensionevideo