babel

Primi cenni dell’applicazione di Google Babel per Android

Nicola Ligas -

L’immagine qui sopra non è così leggibile da potervi dire subito qualcosa, anche se molti avranno già riconosciuto un issue tracker, ma basta che andiate a questo link per rendere tutto più comprensibile. Cercando il nome “babel” è facile vedere come compaia più volte, con il formato tipico di molte delle app Android di Google, ovvero preceduto da “com.google.android.apps“.

Facile quindi pensare ad un “com.google.android.apps.babel“, con relativo (ipotetico) link al Play Store, ovviamente del tutto inefficace per adesso. È però il caso di sottolineare che questo conferma il nome in codice babel, ma non che quello sarà il nome dell’app stessa.

Tanto per fare degli esempi, Google Drive ha come nome del package com.google.android.apps.docs, Google Goggles com.google.android.apps.unveil, Google Analytics com.google.android.apps.giant e così via. Non c’è insomma una corrispondenza tra il nome in codice e quello definitivo dell’applicazione, non sempre almeno, quindi Babel potrebbe chiamarsi Babel, così come potrebbe essere solo un prestanome.

Quel che è certo ormai è che l’app esiste, è in fase di test (e debugging), e c’è comunque la possibilità che venga rilasciata a breve. Restate quindi sintonizzati perché di certo non mancheremo di tornarci sopra non appena ci saranno novità

Fonte: Fonte