chromium-logo

Blink: nuovo engine per Chromium e Chrome nato da un fork di WebKit

Nicola Ligas

Se siete persone scettiche per natura e le coincidenze non fanno parte del vostro credo, noterete una strana congiunzione nel fatto che Mozilla e Samsung annuncino una partnership per un nuovo motore di rendering per browser (Servo), e al contempo anche Google faccia la sua mossa per abbandonare una delle poche cose che ha in comune con Apple: WebKit, l’engine alla base sia di Chrome che di Safari.

Pur tessendo le lodi di WebKit infatti, sul Chromium Blog è comparso un articolo che ne annuncia l’abbandono, in quanto l’architettura a più processi di Chromium/Chrome comporta delle complicazioni rispetto ad altri browser basati sullo stesso motore: benvenuto quindi a Bink!

La complessità di introdurre un nuovo engine di rendering sarà compensata a lungo termine dai benefici che la diversità ha sempre portato in termini di innovazione. Inizialmente, per non complicare troppo le cose, l’impatto per gli sviluppatori sarà minimo, tanto che il lavoro di Google si è concentrato principalmente sulla riduzione del codice (oltre 7.000 file cancellati), fornendo al contempo delle robuste linee guida.

Se siete interessati ad approfondire l’argomento, vi rimandiamo alla pagina del progetto, e se per caso foste utenti Opera, recentemente passato a WebKit, dormite pure sonni tranquilli: anche il vostro browser sposerà presto Blink.

Via: Via