ProxToMe

ProxToMe: condividiamo contenuti con le persone a noi vicine

Andrea Bordin -

Da una startup italiana nasce ProxToMe: un’applicazione che porta il concetto di condivisione su un’altro piano; mentre solitamente siamo usi a condividere contenuti con amici (digitali) in giro per il mondo, con questa app al contrario possiamo distribuire files con persone che non abbiamo in rubrica (magari perché appena conosciute), ma che sono fisicamente vicine a noi.

Perché dovremmo avere l’esigenza di condividere qualcosa con chi non conosciamo? Beh, innanzitutto vi diciamo che ProxToMe serve anche per conoscere nuove persone: quando avviate l’applicazione vi apparirà un radar in cui potrete vedere la presenza di altri utenti. L’applicazione usa infatti il bluetooth per cercare le altre persone, e se pensate che la cosa sia inutile in un contesto “tranquillo” come al lavoro o in qualche ritrovo di amici, provate invece ad immaginarvi ad un concerto; la situazione e l’utilità cambiano completamente, possiamo chattare con chiunque sia nelle vicinanze (e abbia installato l’app), e le comunicazioni una volta “fuori dalla prossimità” possono continuare con gli utenti aggiunti.

Per quanto riguarda la condivisione dei files, ProxToMe si appoggia a Dropbox, infatti appena installata l’app, vengono chieste due autorizzazioni: una per accedere a Facebook, l’altra per Dropbox; è all’interno di quest’ultimo che vengono “spostati” i files inviati. Riassumiamo cosa si può fare con questa applicazione con l’elenco presente sul Play Store:

  • Vedere i profili Facebook degli utenti ProxToMe in prossimità
  • Chattare con loro
  • Inviare contenuti digitali dal tuo Dropbox ad uno o a tanti utenti all’istante
  • Aggiungere gli utenti ai tuoi contatti e interagire con loro anche a distanza

L’app è sicuramente interessante e in crescita: il motore di prossimità è stato scritto da zero dal team, e la cloud è un’idea azzeccata per trasferimenti che altrimenti via bluetooth sarebbero lunghissimi; magari proprio da quest’ultima si potrebbe volere qualcosa in più, come ad esempio la possibilità di utilizzare altri servizi, tra i vari Google Drive, SugarSync, Box et similia.

Visto che è gratis cosa ne dite di installarla e provarla in giro? Fateci sapere nei commenti se avete trovato qualcuno (tenete presente i limiti del Bluetooth, ossia comunemente sugli 8-10 metri) o se l’applicazione è così giovane e poco diffusa che non avete trovato nessuno; badge per il download, video e foto come di consueto dopo lo stacco.

disponibile

 

 

Dropboxvideo