google glass hackaton (8)

Celebrità “virtuali” e non, tra i nuovi utenti di Glass Explorer

Nicola Ligas

In questi ultimi giorni abbiamo parlato più volte del concorso “If I Had Glass“, che dava la possibilità di acquistare in esclusiva un paio di Glass Explorer Edition ad una ristretto numero di coloro che su Google+ o Twitter avessero scritto (in modo creativo) come li avrebbero utilizzati. Il concorso si è ormai concluso, e non sono mancati gli esclusi dell’ultima ora, ma è grazie al sagace lavoro di uno studente di Stanford che possiamo invece dare un’occhiata a chi sono i vincitori, almeno su Twitter.

Troviamo così diverse celebrità (alcune magari sconosciute dalle nostre parti) e in generale persone con un altissimo numero di follower, ma se scorrete la lista fino in fondo avrete anche utenti con solo una decina di contatti. C’è chi dice che il processo di selezione sia frutto di un algoritmo, dato che sono stati ignorati tweet molto elaborati e originali a vantaggio di altri più banali (non è in effetti difficile scovarne qualcuno scorrendo la lunga lista), ma è ovvio che non sia nemmeno facile selezionare i vincitori tra i moltissimi partecipanti.

Chi sono dunque queste celebrità? Si va dal CEO di Foursquare, all’attrice Alyssa Milano, passando per l’editore Tim O’Reilly, senza dimenticarci Neil Patrick Harris, che molti di voi conosceranno come il Barney di How I Met Your Mother.

C’è polemica da parte nostra? Sinceramente no. Google avrebbe potuto benissimo regalare un paio di Glass a tutti gli uomini più influenti del paese, ai responsabili dei maggiori media, a gente di spettacolo, e sarebbe stata senz’altro la migliore delle pubblicità. Ha scelto invece un concorso che passasse anche tra la gente, dando a tutti la possibilità di partecipare, ed è ovvio che ci sarebbero state polemiche in merito, soprattutto da parte degli esclusi. L’unico modo per evitarle sarebbe stato far vincere solo dei “signor nessuno”, ma sarebbe davvero stato giusto anche in quel caso? In fondo parliamo di un prodotto che, nelle intenzioni di BigG, dovrebbe diventare un’icona, quindi metteremo da parte le polemiche dettate solo dall’invidia, e ci limiteremo appunto solo a quest’ultima, nei confronti dei fortunati vincitori. Soprattutto quelli con 7 follower.

Via: Via
Google Glasstwitter