sonic

Sonic the Hedgehog 4 Episode I: il ritorno del porcospino blu [Recensione]

Giorgio Palmieri

Il porcospino Sonic è uno dei personaggi più conosciuti del mondo dei videogiochi. La sua celebrità è data dal suo carattere testardo e dalla sua straordinaria velocità, caratteristiche studiate appositamente da SEGA per rivaleggiare contro il mitico idraulico Nintendo, Super Mario.

All’annuncio del 4° episodio della saga di Sonic, i fan della mascotte SEGA esultarono a gran voce poiché il gioco è una sorta di ritorno alle origini. Gli sviluppatori promisero un platform condito con una sana dose di velocità, adrenalina e, soprattutto, di divertimento. Inoltre, l’aggiunta del porting su dispositivi mobile non poteva che essere accolta a braccia aperte da parte dell’utenza.

Vediamo insieme se questo nuovo capitolo di Sonic (o almeno il primo episodio) merita il numero 4 accanto al titolo.

A tutta birra!

Il malvagio Dr. Eggman è tornato di nuovo in azione: il suo piano consiste nel creare una potente arma per neutralizzare Sonic una volta per tutte. Il nostro obiettivo (ancora una volta) sarà quello di recuperare le Chaos Emeralds per portare l’equilibrio nel mondo.

sonic3

Sonic the Hedgehog 4: Episode I fa della nostalgia la sua forza, poiché il gioco richiama  i classici giochi di Sonic del Sega Megadrive (o Genesis nel Stati uniti). Il titolo è un side scroller in 2D dove, nei panni del porcospino blu, dovremo attraversare i livelli pieni zeppi di ostacoli e mostri fino ad arrivare al consueto boss di fine livello. Oltre al mitico Spin Dash (più lento rispetto ai precedenti capitoli), Sonic potrà utilizzare il nuovo Homing Attack per eliminare i nemici, una sorta di colpo a mezz’aria. Il comparto grafico è ben curato, le ambientazioni (prerenderizzate in 3D) sono coloratissime e la modellazione generale è molto buona. La fluidità è discreta e non presenta eccessivi problemi di frame rate. Purtroppo siamo già giunti alla fine dei punti positivi di questo quarto capitolo di Sonic, scopriamo subito perché.

sonic4

Un Sonic poco “sonico”

Sebbene il titolo richiami i capitoli precedenti della saga, Sonic the Hedgehog 4: Episode I non possiede i tratti distintivi che hanno caratterizzato il gameplay veloce e adrenalico del porcospino blu. Per essere più specifici, prendiamo in analisi la fisica.  Quest’ultima è totalmente cambiata, stravolgendo di parecchio la godibilità del titolo: i salti sono imprecisi e macchinosi, le discese e le rampe speciali non danno quel senso di velocità di un tempo. Anche il level design pecca di originalità, infatti la maggior parte dei livelli presenta scelte di gameplay discutibili e non basate sulla meccanica della rapidità, bensì su un approccio più “platform” ma, soprattutto, molto più lento. Il difetto più grave di questo 4° capitolo di Sonic, però, risiede nel pessimo sistema di controllo. Lo stick analogico virtuale è piccolo e non reagisce bene al tocco. Questo difetto, unito alla macchinosità della fisica, rende le sessioni di gioco piuttosto tediose.

sonic1

Durante i 24 livelli disponibili (di cui 5 boss e 7 fasi speciali), non mancheranno alcuni (pochissimi) momenti di svago, in particolare nei primi livelli in cui il riferimento ai precedenti capitoli è particolarmente evidente. Purtroppo le musiche non raggiungono nemmeno lontanamente le fantastiche melodie dei primi episodi della serie, attestandosi nella media dei titoli portatili.

Conclusione

Sonic the Hedgehog 4: Episode I è un titolo scarno. La maggior parte dei problemi derivano dal sistema di controllo su dispositivo portatile, impreciso e macchinoso, ma purtroppo anche il level design non riesce a sorprendere, tranne in rari casi.  Il gameplay potrebbe sembrare molto simile ai vecchi capitoli della saga, ma lo stravolgimento della fisica ha modificato l’approccio al gioco, rendendolo poco avvincente e molto più lento. L’acquisto è indirizzato esclusivamente ai fan più accaniti di Sonic, ma probabilmente anche questi ultimi rimarranno delusi.

Adrenalina: Non c’è traccia della dinamicità dei vecchi capitoli, tranne in alcuni livelli.
5/10
Giocabilità:  Sistema di controllo pessimo e macchinoso.
3/10
Grafica:  Colorata e ben fatta, in pieno stile SEGA.
8/10
Sonoro: Musiche e sonoro sufficienti, non all’altezza dei precedenti capitoli.
6/10
Longevità: 24 livelli non sono pochi, ma la rigiocabilità è bassa a causa del lento ritmo di gioco e dei pessimi controlli.
6/10
Prezzo: 3.68€ è un buon prezzo considerando che su console costa molto di più, ma il porting non è stato gestito molto bene, soprattutto per il sistema di controllo.
7/10

Voto complessivo : 4.5/10

Android app on Google Play

Recensionesonic