Il CEO di Electronic Arts John Riccitiello rassegna ufficialmente le sue dimissioni

Lorenzo Delli -

john riccitiello ea header

John Riccitiello forse non sarà ricordato come il miglior CEO della società Electronic Arts: sotto la sua guida EA ha attraversato “momenti bui” ed è stata addirittura definita la peggior compagnia d’America dal Consumerist Magazine (battendo la Bank of America e AT&T), registrando addirittura un calo dei profitti che ha di fatto dimezzato il valore della società. Interrogato a riguardo di questo drastico calo, John rispose che era colpa degli investitori che non riuscivano a comprendere la moderna industria del gaming.

Sta di fatto che John nelle ultime ore ha ufficialmente rassegnato le sue dimissioni dalla posizione di CEO della compagnia, e sarà sostituito temporaneamente da Larry Probst, già CEO di EA dal 2001 al 2007. La colpa potrebbe essere in parte legata agli investitori, ma anche alcune scelte della società, sia in campo console/PC che in campo mobile, come l’annuncio di voler includere in futuro in ogni titolo acquisti in-app (come in Real Racing 3), potrebbe aver favorito il calo di consensi e di vendite che hanno portato alle dimissioni premature del CEO. Ecco un estratto del comunicato stampa di Larry a seguito dell’accantonamento dai vertici di EA di John Riccitiello:

Today John Riccitiello submitted his resignation to EA’s Board of Directors.  In a letter to the Board, John outlined that while the company has made enormous progress in improving product quality and transitioning to digital games and services, our financial performance is tracking below the expectations set at the beginning of our fiscal year.  This was disclosed in our last earnings call…

…Looking ahead, EA’s strategy and future are rock solid.  Our business is built on more than a dozen powerful, globally recognized brands.  We are clear leaders in the fastest growing category in games – mobile – and we are positioned to lead on the next generation of consoles.  Most importantly we have deep reserves of talent – new faces and industry veterans who form the core of EA’s leadership.  We have an important year ahead of us and I look forward to working with all of you as we navigate the path to future success!

Staremo a vedere come il nuovo (e temporaneo) CEO intenderà muovere i suoi passi nei confronti delle piattaforme mobile, piattaforme in continua evoluzione che stanno catalizzando l’attenzione di tutto il mercato globale.

Via: ViaFonte: Fonte
EA